VENEZIA

VENEZIA
PALAZZO DUCALE

venerdì 28 novembre 2008

PENNE AL CAVOLFIORE


Un altro piatto di casa..senza alcuna pretesa.
Però stranamente questa volta anche i bimbi lo hanno mangiato..che sia merito del colore?
Ho semplicemente lessato un piccolo cavolfiore a cimette, in acqua bollente salata..dopo circa 10' ho aggiunto le pennette cotte al dente.
E le ho scolate insieme.
A parte ho preparato una besciamella con
500 ml di latte 50 gr farina ed una noce di burro, insaporita con noce moscata sale pepe ed una bustina di zafferano.
Ho diviso in due tegliette..così ho avuto i primi pronti per due giorni..qua bisogna arrangiarsi altrimenti non si mangia.
Al momento di servire ho gratinato in forno con grana abbondante.

mercoledì 26 novembre 2008

FOCACCIA ALLE NOCI

Questo è quello che si vedeva dalla porta di casa mia lunedì sera quando nevicava...non è carino tutto con la neve?

Visto che qui nevicava...
mi son concessa questa...che buona!!!!
Forse mi è lievitata troppo non so..sul giornale pareva più bassa comunque buonissima

FOCACCIA ALLE NOCI CI NOV08

200 gr farina 0
200 gr farina per pizza
70 gr gherigli di noce
70 gr vino rosso--avevo un ottimo novello--
30 gr grana grattugiato
30 gr strutto
20 gr lievito di birra
olio evo
sale

Raccogliete in una ciotola la farina 0 ed il lievito sbriciolato ed impastateli con 110 gr di acqua ca, ottenenendo un panetto liscio ed omogeneo.
Copritelo con un canovaccio umido -io l'ho messo in un contenitore di vetro un barattolo del miele grande per inciso-- e mettere in frigo--a 4-5° non meno altrimenti non lievita--io ho messo in cassetto delle verdure.
Una volta lievitato impastatelo con la farina speciale per pizza e lo strutto.
Poi unite il vino, 2 o 3 cuk di acqua 7 gr di sale ed i gherigli di noce.
Alla fine unire il grana e lavorare a lungo l'impasto per renderlo liscio.
Dovrò risultare piuttosto morbido.
Raccoglietelo a palla ponetelo in una ciotola copritelo con un canovaccio umido e lasciatleo lievitare per circa 30'.
Stendete poi l'impasto sul piano di lavoro infarinato allargandolo con le mani e modellandolo a forma di disco.
Oliate generosamente una teglia rotonda diam cm 26 ponetevi il disco di pasta e lasciatelo lievitare in luogo tiepido finchè sarà raddoppiato di volume.
Alla fine infornate a 195° per circa 30' sformandolo quando la superficie sarà marroncina chiara ed oliatela.

GNOCCHI DI CASTAGNE ALLA VERZA


Secondo me questo piatto con la verza può piacere anche a chi di solito non la mangia.
Visto che il sughetto viene ''nascosto'' dal formaggio cremoso.
Avevo provato degli altri gnocchetti senza patate..ma non mi son piaciuti neanche....non dico dove li ho presi..non vorrei offendere nessuno..ma li ho gettati proprio.
Però mi ero tirata giù anche questa ricetta che non avevo fatto subito perchè un po' più laboriosa..ma meritaaaaaaaa!!!
La ricetta viene dalla rivista In tavola.


GNOCCHI DI CASTAGNE ALLA VERZA IN TAVOLA

1 kg di patate a pasta bianca
150 g di farina bianca
100 g di farina di castagne
1 verza di media grandezza
1 cipolla
120 g di robiola fresca
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaio di bacche di ginepro
sale
pepe in grani e macinato
Preparazione:
Spazzolate le patate e lessatele per 30 minuti dall'inizio del bollore. Sbucciatele,
passatele allo schiacciapatate e amalgamatele alle farine, fino a quando l'impasto diventa omogeneo.
Modellate con le mani stringhe grosse come un dito, tagliatele a tocchetti A e passateli su una forchetta. Spolverizzateli con un po' difarina e lasciateli riposare.
Lavate e pulite la verza, eliminate le parti dure e tagliatela a striscette. Fate
rosolare nell'olio con la cipolla tritata, i grani di ginepro e di pepe e il vino, e fate cuocere per 30 minuti a fuoco
medio.
Togliete le spezie, salate, pepate, frullate tutto e rimettete sul fuoco. Unite la robiola schiacciata e
lavorate l'impasto 2 minuti. n Lessate gli gnocchi fino a quando non salgono a galla, scolateli e conditeli con la crema morbida.



Note Michela:ci ho messo più tempo a togliere i grani che per tutta la ricetta ma va bene così.

martedì 25 novembre 2008

FOCACCIA DI ASIAGO UVETTA E PORRI IN PETRONILLA

Al contrario questa..dopo la foto..l'ho rimessa in forno per 10' perchè secondo me aveva bisogno di cuocersi un po' meglio..Allora ho usato questa ricetta per la base

FOCACCIA RIPIENA CON PETRONILLA MAURA B


Biga:
180 gr. farina Manitoba
100 acqua
2 gr. lievito di birra fresco
Impastare e lasciar lievitare circa 8 ore.
Impasto :
400 gr. farina 0
150 gr. latte intero
60-70 gr. acqua
50 gr. strutto
1/2 cucchiaio di miele
sale
Ripieno :
pancetta coppata
pate' di olive nere
quadretti di fontina
Impastare tutti gli ingredienti, aggiungendo la biga a pezzetti ed il sale per ultimo.
L'impasto deve risultare molto morbido. Lievitazione in ciotola circa 2 ore.
Stendere l'impasto in un rettangolo e farcire a piacere. Arrotolare dal lato lungo. Lasciar lievitare ancora un paio d'ore. Cottura in forno a circa 200°
Cottura con fornetto Petronilla: Imburrare bene il fornetto Petronilla e infarinare con della semola. Appoggiarci dentro con delicatezza la focaccia arrotolata. Lasciar lievitare per circa 2 ore. Mettere lo spargifiamma sul fuoco piccolo e scaldarla bene. Appoggiarci sopra il fornetto e proseguire a fiamma alta per 5 minuti, quindi abbassare a fuoco medio e proseguire per circa un'ora.

Per la farcia ho messo 3 porri stufati a fuoco basso con un giro di olio extravergine di oliva e sale, poi ho unito a metà cottura un pugnetto di uvetta già ammollata in acqua calda e strizzata.
Ho steso dopo la prima lievitazione sulla pasta, ho aggiunto asiago a listerelle , salato e pepato
Arrotolato su se stesso e fatto lievitare.
Ovviamente si può anche fare in forno come un calzone o come una focaccia farcita normale ed usando la pasta per la pizza che usate di solito.

PREMI PREMI PREMI



Mary stamattina mi ha fatto una vagonata di premi.
Inoltre mi ha premiato nuovamente con il premio Arte ponto vida e con il premio il criceto goloso.
Claudia mi ha anche le i premiato nuovamente con il premio Arte Ponto Vida, il Premio Criceto Goloso ed infine il Brillante Blog.
La ringrazio tantissimo.
Non li riposto perchè li ho già postati comunque è piacevole pensiate anche a me.
AGGIORNAMENTO DEL 26 NOVEMBRE:
Ricevo nuovamente il premio oro e brillante blog da Manuela
che sentitamente ringrazio, e da Fantasilandia in contemporanea che ringrazio entrambe.
Non li riposto, questi ultimi due, perchè li ho già messi però Mary ti aggiungo ai premianti.
AGGIORNAMENTO DEL 27 NOVEMBRE:
Anche Farfallina mi ha premiato con il premio oro e con il premio brillante web wowowowowowow!
Grazieeee!
AGGIORNAMENTO DEL 3 DICEMBRE
Ricevo i premi brillante blog e premio oro da Ilaria
Ragazze..grazie grazie grazie.
Li metto tutti qui gli aggiornamenti .
ciao
AGGIORNAMENTO DEL 9 DICEMBRE
Ricevo tutti questi premi più il premio amico che ho già sempre postato..anche dalla carissima
Cristina che ringrazio tantissimo!!!
Ringrazio vivamente ed io a mia volta li passo a
Claudia
Caty
Anna
Giugiu
Nicoleta

lunedì 24 novembre 2008

SFORMATO DI CAVOLFIORE


Ho preso di mira Maurina.
Ho visto la ricetta che ha riportato di Silvia Ronzio dal forum di Cucina italiana e visto che avevo un cavolfiore..l'ho rifatta subito.
Bisogna abbondare con il formaggio!!
Mi è piaciuta anche se per me non è un contorno ma un piatto unico visto che è sostanzioso.
Come segnalava Maurina che l'ha già provato con altre verdure..si può fare con tutte le verdure..viene buono comunque.
Oggi che nevica tantissimo..ci starebbe proprio bene.

sabato 22 novembre 2008

CAKE MELANZANE LIMONE E NOCI

Non è un granchè l'aspetto....perchè ho la mania delle sperimentazioni ed ho provato a cuocere questo cake nella macchina del pane.
Tanto mi son detta..chissà se vien buono..ed invece!!!
Accipicchia..lo pubblico per non perdermi la ricetta e non dimenticarmi come l'ho imbastito perchè lo abbiamo divorato.
Buono, saporito e profumato.
Non mi piace la cottura nella macchina del pane..sebbene abbia fatto una bella crosticina non mi pare uniforme...però da rifare sicuramente.

CAKE MELANZANE NOCI E LIMONE++

80 gr di maremmino
150 gr farina
125 gr di yogurt magro naturale o latte-io ho usato yogurt-
80 gr di grana padano
mezzo bicchiere di yogurt di olio di semi di mais
mezza bustina di lievito per torte salate istantaneo
3 uova
1 manciata di melanzane sott'olio--io ho usato le mie --
1 pugnetto di gherigli di noci
maggiorana
sale
pepe
1 limone
Preparazione:
Sbattere le uova intere con sale e pepe, unire farina setacciata a lievito alternando a yogurt ed olio sempre sbattendo con le fruste ad immersione.
Unire formaggio grana grattugiato grossolanamente, il maremmino a dadini, le melanzane sgocciolate, i gherigli di noci spezzetati grossolanamente, la scorza grattugiata di un limone, una bella manciata di maggiorana.
Il lievito per ultimo.
Dare un altro piccolo colpetto con le fruste.
Versare in uno stampo da plum cake ben imburrato e foderato da carta forno.
Cuocere a 180° per circa 45', fare la prova stecchino.
Io ho cotto in macchina del pane.

venerdì 21 novembre 2008

GELATO CON SALSA DI LAMPONI

Sempre da cotto e mangiato perchè l'avevo visto una domenica che ero da mia mamma..e subito i miei fratellini a chiedere lo fai?
Ed allora l'ho fatto...
Ho solo aggiunto un po' di aroma di vaniglia alla panna..perchè avevo paura altrimenti sapesse da uovo..
Una favola.
Unico consiglio sbattere molto bene i tuorli con lo zucchero e la panna..devono essere i primi triplicati di volume e bianchi, la seconda ben ferma.

GELATO CON SALSA TIEPIDA AI LAMPONI

6 tuorli d'uovo, 6 cucchiai di zucchero, 1/2 litro di panna fresca, 2 cestini di lamponi, 2 cucchiai di zucchero.
Sbattere i rossi d'uovo con lo zucchero, montare la panna con le fruste elettriche e incorporarla delicatamente. Trasferire il tutto in una forma da plumcake e mettere in freezer almeno per 3-4 ore. Per sformare il gelato infilare un coltello lungo i bordi e fare passare velocemente la base sul fuoco del fornello. Per la salsa mettere in una padella i lamponi con 2 cucchiai di zucchero e 2 cucchiai di acqua. Fare scaldare pochi minuti e servire calda insieme al gelato in una salsiera.
L'IDEA IN PIU'
In inverno invece dei lamponi costosi e difficili da reperire, si può servire il gelato con una salsa di cioccolato fondente sciolto con un po' di latte, oppure si possono utilizzare quelle praticicissime buste di frutti di bosco surgelati che si trovano in tutti supermercati. Cucinateli con lo stesso procedimento dei lamponi freschi.

Note Michela: io ho aggiunto alla panna prima di montarla..un po' di aroma alla vaniglia..ovviamente si può unire al gusto preferito.

giovedì 20 novembre 2008

CIABATTE CON FARRO E CASTAGNE



La ricetta l'ho presa qui

Veramente deliziose.


RISOTTO CON BROCCOLI

Questo non è il mio solito risotto..nel senso che l'ho mantecato con questo similpesto consigliato dalla rivista...la cucina italiana.
Mi ha incuriosito troppo l'abbinata ed in effetti è molto appetitoso.

RISO CON BROCCOLETTI E SALSA AI CAPPERI CI NOV 08

800 gr brodo vegetale
320 gr riso vialone nano
200 gr cimette di broccoletto
vino bianco secco 70 gr
30 gr cipolla
prezzemolo
capperi dissalati
olio evo
sale
pepe


In una casseruola fate imbiondire la cipolla tritata in 3 cuk di olio unite il riso e tostatelo per un minuto
Sfumate con il vino, lasciatelo evaporare poi aggiungete i broccoletti tritati.--io in realtà li ho messi prima del riso--
Dopo un minuto bagnate con un mestolo di brodo e cuocete aggiungendo il brodo mano a mano che serve.
Frullate una cucchiaiata di capperi con 50 gr di olio e 50 gr di acqua ed un ciuffo di prezzemolo tritato.
Mantecate il riso con questa salsa ai capperi aggiustate di sale e pepe, decorate a piacere con qualche cimetta di broccolo e capperi.

mercoledì 19 novembre 2008

RISOTTO CON VERZA E SALSICCIA

Questo è un piatto molto saporito..a me piace anche senza salsiccia...comunque a chi gradisce i sapori forti tondi..è indicatissimo..
RISO CON VERZA E SALSICCIA CI DB


riso g 320 - verza g 300 - vino bianco - secco g 100 - salsiccia g 200 - mezza cipolla - brodo (anche di dado) - olio d'oliva - burro - Grana Padano

Preparazione

Mettete a scaldare un litro di brodo sgrassato (o preparato con il dado). Lavate la verza, sgocciolatela e tagliatela a listerelle. Mondate e tritate la cipolla. Fatela appassire in una casseruola con 2 cucchiai d'olio e g 20 di burro. Unite la salsiccia, tagliata a tocchi. Mescolate al tutto il riso e fatelo insaporire bene nel fondo. Irroratelo con il vino bianco secco e qualche mestolino di brodo bollente. Aggiungete dell'altro brodo, sempre mescolando di tanto in tanto, finché tutto sarà stato assorbito e il riso sarà giunto a cottura. Mantecate il risotto con una noce di burro.e con 2 o 3 cucchiaiate di formaggio grana grattugiato, quindi portatelo in tavola immediatamente.

Note Michela:
Vi ho messo la ricetta come l'ho trovata..per comodità..in realtà io non peso niente vado ad occhio.
Il brodo ASSOLUTAMENTE VEGETALE non di pollo a me non piace..nulla vieta a voi di usarlo.
Io il brodo non lo faccio con il dado che non uso mai.
Uso dado fatto da me o mi faccio il brodo con acqua cipolla sedano carota patata ed un po' di sale.
Non ho messo il burro.
Io sul riso uso solo olio extravergine di oliva.
Il riso che uso è vialone nano, e solo di una precisa marca per giunta..mi piace quello.
Ed ho mantecato solo con grana non con ancora burro.
Anzi se volete comunque un risotto ottimo senza burro grattugiatene abbastanza di grana e mettetelo dopo aver tostato il riso.
Per avere un ottimo riso--secondo me eh! non è che son la regina del risotto--all'onda.
Io faccio ben asciugare la verdura e poi ci metto il riso..ci metto più dei canonici 20 min..anche 40 a conti fatti..perchè faccio rosolare bene bene bene la cipolla senza farla colorire mettendoci acqua..poi la verdura prescelta e la faccio appassire senza bruciarla..sempre eventualmente aggiungendo acqua...poi il riso e lo faccio andare per 2-3' di orologio fino a quando si tosta bene e rilascia il suo amido..poi il grana e comincio ad aggiungere il brodo poco alla volta..non troppo sennò si lessa..il giusto per mantenerlo all'onda..a fine cottura il grana.
E via in tavola.
Così è come lo faccio io...non è il metodo giusto ..è come lo faccio io e basta..però in altri modi non mi piace.

SFORMATINI BICOLORE



Avevo visto questa ricette in tv alla rubrica della Parodi dopo Studio Aperto su Italia1.
Tanto per non fare nomi.
Allora son partita da quello e poi ho cambiato un po' gli ingredienti.
Vi posto la ricetta originale e le mie modifiche.
SFORMATO BICOLORE COTTO E MANGIATO

250 gr. di zucca gia' pulita, 500gr. di spinaci, 2 scalogni, sale , ½ litro besciamella ( se la fate voi utilizzate 60 gr. di burro, 50 gr. di farina, ½ litro di latte) 4 uova,100gr. di parmigiano noce moscata
Fate lessare separatamente gli spinaci e la zucca tagliata a pezzetti. In questa ricetta si procede parallelamente. In una padella fate soffriggere gli spinaci lessati e ben strizzati con uno scalogno, mentre nell'altra padella fate soffriggere la zucca lessata con l'altro scalogno. Frullate separatamente le due verdure con gli scalogni e mettetele in due ciotole. Aggiungete in ogni ciotola 2 uova intere, 50 grammi di parmigiano e una grattata di noce moscata. Imburrate e infarinate una pirofila con il buco e versate prima gli spinaci poi la zucca ( o viceversa). Mettete in forno a bagnomaria (cioe' immergendo la pirofila dentro ad un'altra teglia piu' grande piena d'acqua) per 40-45 minuti a 180°.
Note Michela:
io ho sostituito la besciamella con pari quantità di ricotta vaccina.
Ho sostituito gli scalogni con 2 acciughe-1 per composto- sott'olio ben sgocciolate.
Ho cotto al microonde al massimo-il mio ha 850w di potenza per 6'-
---
Ne è uscito uno sformatino che io personalmente ho molto gradito..dal gusto pieno..adatto anche ad una cena vegetariana perchè no..è talmente buono che io l'ho mangiato da solo.
Poi quando le verdure non sono insalate ma son ''pasticciate'' io le gradisco sole.
Che dite..è sempre la stessa ricetta o l'ho proprio snaturata?
Comunque è buona!!

I NS AMICI A 4 ZAMPE


Forse Vi siete già accorti di aver a che fare con una persona che ama gli animali..forse no.
Ross mi ha parlato di questo sito
Vi prego fateci un giro.
Solo questo.
Grazie
Scusate sono un po' scossa..non riesco a far finta di niente.
Dopo aver pubblicato il post qua sotto...io non ce la faccio a guardare queste cose...sto troppo lontana da Bari..altrimenti andrei lì di persona.
Come si fa a sopprimere gli animali perchè qualche disgraziato gli ha fatto del male?
Se possono vivere senza soffrire perchè fargli anche questo?

martedì 18 novembre 2008

LONZA CON LE MELE E PATATE SAPORITE

Cominciamo dal contorno..avevo visto queste splendide patate da Ladiko's e siccome avevo da fare questa bella lonza con le mele...mi pareva il contorno adatto..unica mia variante apportata alla ricetta è stata quella di sbollentare le patate già a dadini in acqua bollente acidulata con poco aceto, poi ho proseguito da ricetta..mi piace di più fare così.
Trovo che le patate restino più morbide senza seccarsi e si cucinano uniformemente.
Anche se poi un po' le bruciacchio ..perchè a me piacciono così.
Semplicemente si gettano le patate nell'acqua bollente acidulata con l'aceto..mezzo bicchierino per intendersi di quelli da liquore, ed appena riprende il bollore l'acqua si scolano e poi si procede alla cottura in forno o padella.
Per la lonza invece ho voluto provare questa che era nell'ultimo numero della cucina italiana
di novembre.
LONZA AL FORNO FARCITA DI MELE CI NOV 08

1 kg lonza di maiale
400 gr di mele--io ho usato renette--
80 gr carote
50 gr cipolla
2 arance
1 gambo di sedano
brodo di carne--io ho usato vino ed acqua--
grana grattugiato
alloro
olio extravergine di oliva
sale
pepe


Sbucciate e detorsolate le mele, poi tagliatele in piccoli dadini ed irrorateli con poco succo d'arancia.
Riducete 2 scorze d'arancia a fettine sottili.
Aprite la lonza a libro e battetela con il batticarne.
Distribuite sul lato esterno della lonza-così la pelle, rimanendo all'interno tiene più compatto l'arrosto-metà dei dadini di mela, le listerelle di scorza d'arancia, sale, pepe ed un cuk di grana.
Poi arrotolate la carne e legatela.
Mondate la carota, la cipolla ed il sedano e tritateli-trito aromatico-.
In una pirofila unta generosamente di oli raccogliete il trito aromatico il resto delle mele una foglia di alloro ed accomodatevi l'arrosto.
Copritelo con 3 rondelle di arancia bagnatelo con 3 mestoli di brodo--io 1 di vino e 2 di acqua-- e completate con una presa di sale ed una manciata di pepe.
Coprite la pirofila con un foglio di alluminio ed infornate a 170° per circa 1 ora e mezza.
Sfornate l'arrosto fatelo intiepidire, affettatelo e servitelo con il fondo di cottura...

Io ho cotto in pentola..mi si è sfaldato perchè non ho aspettato che si intiepidisse...la fame chiamava.

Nonostante l'aspetto...era buonissimo ed aveva un delizioso profumo ed aroma di arancia.

CREMA DI CAVOLFIORE

E dopo i cupcakes....eco una bella cremina che riscalda lo stomachino in queste prime giornate di freddo vero.
Quanto ci è piaciuta questa..le altre le ho messe tutte nei post de le zuppe o de ecchecavolo..se volete dare un occhio...
I bimbi l'hanno divorata..anche lo schizzignosetto...
buona buona
Come al solito l'ho presa dalla rivista ''La cucina italiana'' la mia preferita in assoluto.
CREMA DI CAVOLFIORE CI

Ingredienti: (dose per 8 persone)
cimette di cavolfiore g 500 - panna liquida g 100 - porro mondato g 80 - farina di riso g 70 - 8 fettine di speck - pane casereccio - paprica - brodo di carne - latte - olio d'oliva - sale
Conto calorie: kcal 185 (KJ 774) a porzione
Preparazione:
Riducete il porro a rondelle sottili, soffriggetelo in un filo d'olio e insaporitevi le cimette di cavolfiore; unitevi 2 litri di brodo, un pizzico di sale e fate bollire coperto per 60'. Passate quindi metà della minestra al passaverdure, mescolatela con quella non passata, portate di nuovo a bollore poi unite la panna, la farina di riso stemperata in un bicchiere di latte e lasciate sobbollire affinché la crema si addensi. Rosolate le fettine di speck e tostate dei dadini di pane spolverizzati di paprica. Servite la crema di cavolfiore con lo speck e i crostini.

lunedì 17 novembre 2008

FILONE INTEGRALE

In un primo momento ho pensato..sto massacrando la ricetta di Maura cuocendo il pane nella macchina del pane..sicuramente cotto in forno a forma di filoncino è più croccante e buono..però se la cava anche così.
Purtroppo, a volte, non avrei il tempo di fare il pane..e me la cavo preparando l'impasto e mettendolo a lievitare nella macchina..poi la accendo e vado bene perchè si spegne da sola senza seccare l'impasto..lo mantiene solo caldo.
Per cui ..qualche volta cedo al compromesso di un pane mollicoso anzichè croccantino come piace a me.
Per cui Maurina..scusami..lo rifarò senz'altro perchè mi è piaciuto..però a filoncino come avevi fatto tu.

FILONCINI INTEGRALI AL SESAMO DI MAURA


Biga :
200 gr. farina manitoba
110 gr. acqua
2 gr. lievito di birra fresco
Impasto :
400 gr. farina integrale frumento biologica
300 gr. farina 0
2 gr. lievito di birra fresco
1 yogurt naturale gr. 125
230-240 gr. acqua
4 cucchiai olio evo
1 cucchiaino colmo miele scuro
sale
sesamo
Preparazione:

Preparare la biga e lasciare lievitare 10-12 ore.
Impastare il resto degli ingredienti (tranne il sesamo), aggiungendo la biga a pezzetti
ed il sale per ultimo.
Ungere con olio una ciotola, mettervi l'impasto e lasciar lievitare al raddoppio (circa 2 ore).
Quindi formare i filoncini (dividere in 6 parti, ognuno va spianato per ottenere un rettangolo
e quindi arrotolato su se stesso partendo dal lato lungo).
Una volta formati appoggiarli su della carta forno su cui si trova uno strato di sesamo.
Quindi girarli e rimetterli a lievitare (circa 2 ore)
Praticare dei tagli in superficie prima di infornare a 220 gradi per 10 min. e poi si scende
progress. a 190°, in ultimo un po' di ventilato per uniformare il colore.

giovedì 13 novembre 2008

A TUTTI I BLOGGERS

E siccome le belle notizie non son mai sole.
Leggete
BLOGGERS DI TUTTO IL MONDO UNIAMOCI
E
FREE BLOGGERS
E' importantissimo.

In particolar modo, se questo dovesse verificarsi il mio blog sparirà dalla rete.

A TUTTI I BLOGGERS

Ragazzi e ragazze..
mi hanno avvisata oggi che sta succedendo il solito furto di post non autorizzato dai vari blogs.
Volete saperne di più?
Vi invito a leggere qui e qui
Sicuramente la rabbia crescerà man mano..
Io ho provveduto a mettere i bannerini..di più non saprei che fare..però magari organizziamoci c'è qualcuno che ne sa di più su come difendersi?

mercoledì 12 novembre 2008

POLENTA PASTICCIATA CON VERZA

Un altro GRANDE piatto con la verza...mitico proprio.
Sempre da La cucina italiana.

POLENTA PASTICCIATA ALLA VERZA CI

Ingredienti: (dose per 4 persone)
farina gialla di polenta g 200 - cipolle g 200 - fontina valdostana g 200 - 4 foglie di verza - olio d'oliva - sale
Conto calorie: kcal 392 (KJ 1640) a porzione


Portate a bollore un litro d'acqua, salatela, gettatevi la farina di polenta, tutta in una volta, mescolando velocemente per evitare il formarsi di grumi; quando la polenta sarà ben impastata e omogenea, riducete la fiamma e fatela cuocere per 40', rigirandola frequentemente. Nel frattempo, affettate le cipolle e fatele stufare, con un filo d'olio, un dito d'acqua, un pizzico di sale, finché risulteranno quasi disfatte. Sbollentate le foglie di verza e tagliatele a pezzi grossi; riducete la fontina in dadolata. Non appena la polenta sarà cotta, versatene circa metà in una pirofila, aggiungete le cipolle stufate, il resto della polenta, le foglie di verza e tutta la fontina. Passate la teglia nel forno a 200° per far sciogliere il formaggio.
Note Michela:
Io ho passato il tutto al microonde..ecco il perchè del formaggio sciolto senza crosticina..in forno è ancora più bello da vedere.
Le foglie preferusco lessarle proprio non sbollentarle e privarle della nervatura.
UN'ALTRA COSA IMPORTANTE: io per me la polenta la preferisco meno dura..sarà perchè uso la bramata e la cucino per un'ora..con queste dosi viene troppo fissa..io metterei metà farina di polenta o il doppio di acqua.

P.S. Qualcuno mi ha detto che inserisco troppe ricette..non faccio gare con nessuno..solo che fotografo i piatti mano a mano che li preparo e son presa un po' indietro..se non vado avanti mi perdo i collegamenti ricetta..foto.
Scusate.

SFORMATINI DI BROCCOLETTI E CAROTE



Per la serie quanti broccoletti faccio e quanto bene fanno..e che buoni che sono......
Altra ricetta da la Cucina Italiana.

PICCOLI SOUFFLE' DI BROCCOLETTI CI

400 gr broccoletti
200 gr carote
80 gr parmigiano grattugiato
4 uova
burro
noce moscata
sale
pepe

Preparazione:
Mondare broccoletti e carote.
Lessateli separatamente--io li ho cotti a vapore--
Far raffreddare.
Poi frullatele con formaggio, tuorli sale e pepe noce moscata separatamente dividendo equamente tra i due composti.
Con la frusta montate a neve fermissima gli albumi ed unirli delicatamente al composto.
Dividere in stampini.
Cuocere a 180° per 10'.
Servire subito.
Note Michela:
Forse non si doveva fare ma io li ho cotti al mo 5'
Infatti non si son gonfiati..però erano molto buoni.

IO STO CON LORO

Io amo gli animali.
Amo particolarmente i gatti, ma non è che gli altri animali mi diano fastidio, anzi.
Io sto dalla loro parte.
Il che vuol dire.
BASTA CON LE PELLICCE.
Son stanca di sentire che scuoiano gli animali vivi, compresi gatti e conigli e cani, per avere la pelliccia sintetica morbida.
Son stanca di sentire che usano gli animali per sperimentare le medicine che tanto su di noi vanno sperimentate nuovamente.
Son stanca di sentire che usano gli animali per i cosmetici, gli shampoo e quant'altro.
Son stanca di vedere gli animali utilizzati in spettacoli degradanti che in natura in libertà non farebbero mai, chiusi in un'arena in una gabbia.
E' già una violenza tenerli in casa senza la libertà di farli andare dove vogliono.
BASTA
Chi ha deciso che il mondo è nostro e possiamo disporne come vogliamo eliminando tutto quanto non ci comoda a ns piacimento?
Gli animali e le piante erano qui prima di noi..e spero tanto anche oltre noi.
Sabato e domenica qui vicino, a Mirano, c'era la Festa dell'Oca.
Io non ci ero mai andata e da ingenuotta pensavo giocassero al gioco dell'oca..quello da tavola fatto in grande sulla piazza.
E così ci ho portato pure i bambini pensando di divertirmi, quando sono arrivata in piazza ed ho visto la piazza chiusa e dentro in un arena un branco di oche che starnazzavano per la paura non per il divertimento.
Sono andata via subito.
Non intendo assolutamente in alcuna maniera far pensare o credere che uno spettacolo del genere possa piacermi.
Però l'arena era piena di gente che urlava ed incitava una o l'altra oca.
Sono l'unica che odia questi spettacoli?
SE NON SI RISPETTANO GLI ANIMALI,L'AMBIENTE,COME POSSO STUPIRMI CHE NON SI RISPETTINO NEMMENO LE PERSONE?
Gli animali non fanno nulla.
Vivono e basta.
Siamo noi che li stiamo snaturando dal loro habitat, siamo noi che li stiamo sfrattando.
Siamo noi che siamo incivili,non loro.
Tutti così.
Tutti pronti a prendersi un micetto, un cagnolino fino a quando non diventa un ingombrante cagnolone.
Ed allora scarichiamolo in autostrada.
Vero?
Io mi son sempre raccattata gli animali che ho trovato in strada..o che ci buttavano in giardino.
E quando è capitata l'occasione li ho caricati tutti ed 8 in macchina ed abbiamo pure cambiato casa per loro..abitando per un periodo in tenda pur di non vedermeli ammazzare uno ad uno da un mio caro vicino..che ho pure provato a denunciare al wwf.
E cui non ho potuto far nulla perchè avrei dovuto fotografarlo mentre faceva l'atto..
Bella giustizia.

LE RACCOLTE:RICETTE DI TORTE DI MELE DI ZIRELA

Un'altra raccolta di ricette di mele
Zirela ha indetto questa iniziativa che mi trova prontissima a partecipare..e mi raccomando partecipate numerose anche voi..perchè voglio arrivare a 2 milioni di ricette..son ferma ad 1.
Non metto i link perchè li ho già messi ed aggiunti sull'altra raccolta di mele..
Zirela ha già raccolto.
Credo.

martedì 11 novembre 2008

LE RACCOLTE:ECCHECAVOLO!

Ecco un'altra raccolta simpatica Antonella
Orzotto con broccoletti e pancetta
Polpette di cavolfiore e ricotta
Penne con broccoli e zucca
Crema al cavolfiore
Spero di averli messi tutti.
Come volevasi dimostrare...
Pizza con broccoli
Cannelloni ai broccoli
Pasticcio con i broccoli
Linguine con i broccoli
Frittata con zucca e broccoli

Millefoglie di verza la foto fa schifo...ma il piatto è il mio preferito in assoluto con la verza
Spaghetti con verza e salsiccia o pancetta

ORZOTTO CON BROCCOLETTI IE PANCETTA


Provocata da Rosetta che mi ha parlato del riso con broccoli e salsiccia..ho fatto questo
ORZOTTO.
L'ho cotto come un risotto..non avevo più salsicce ed ho usato la pancetta affumicata rosolata...buono..io però ho preferito senza pancetta...i bimbi con..per cui...

ORZOTTO CON BROCCOLI E PANCETTA AFFUMICATA
Ingredienti:
70 gr di orzo perlato per persona
brodo vegetale preparato con acqua sale, cipolla, sedano, carota, patata.
broccoli romani cimette a piacere
pancetta affumicata..80 gr o più se gradite
olio evo
mezzo bicchiere di vino bianco secco
mezza cipolla
Preparazione:
Ho preparato il brodo vegetale.
Poi ho fatto rosolare la cipolla in poco olio extra vergine di oliva, quando è appassita ho unito le cimette di broccoli e fatto asciugare bene.
Poi ho aggiunto l'orzo e fatto tostare, bagnato con il vino e fatto sfumare bene..poi ho unito il brodo ed ho portato a cottura.
A parte ho tostato la pancetta ed ho aggiunto a chi ha gradito.
Mantecato con grana.

PASTA PICCANTE CON ZUCCA E PATATE

Altro esperimento per i due piccoletti.
Avevo pensato che poichè mangiano le patatine e l'asiago..magari qualche intruso...niente!!!
Ed andiamo avanti ancora...
Non è propriamente leggera..almeno io le cose fritte non è che le digerisca proprio tanto..comunque è gustosa appetitosa e velocissima.
Con pochi ingredienti per giunta.
PENNE PICCANTI CON ZUCCA E PATATE CI OTT 04

320 gr penne integrali
300 gr polpa di zucca
150 gr patate
50 gr asiago mezzano
aglio
peperoncino
olio evo
sale
timo
Preparazione:
Riducete a dadini patate e zucca.
Scaldate 4 cuk di olio con aglio e peperoncino, rosolatevi i dadini, profumate con timo.
Cuocete la pasta,condite con i dadini di zucca e patate e l'asiago a dadini.

POLPETTE DI CAVOLFIORE E RICOTTA.


La ricetta l'ho presa da Maurina io le ho tenute morbidine al limite della lavorabilità..per quello son così disuguali.
L'idea era sperare che le mangiassero i due mostriciattoli.
Ovviamente non c'è stato verso.
Maurina son buonissime.
Quei due uno di questi giorni fanno una brutta fine..
Ma non è mica finita qua...prima o poi la vinco.

POLPETTE DI CAVOLFIORE E RICOTTA.


1 cavolfiore medio
150 gr. ricotta
3 cucchiai parmiggiano
1 uovo grosso
2 cucchiai di pangrattato
prezzemolo tritato
noce moscata
sale
Preparazione:

Lessare il cavolfiore e poi ripassarlo in padella per asciugare l'umidita' (con poco olio e uno spicchio di aglio da togliere). Schiacciarlo bene con la forchetta.
Quando tiepido, aggiungere la ricotta (a piacere, la mia era un avanzo), l'uovo, il parmiggiano, il pangrattato, il prezzemolo, la noce moscata e regolare di sale.
Formare le polpettine, ripassarle nel pangrattato, appoggiarle su una teglia da forno ricoperta di carta forno ed irrorare con un goccio di olio.
In forno a 180° fino a doratura.

OLTRE

Oggi è San Martino e volevo postarvi il dolcetto..ma non è ancora pronto.
Ieri, infatti è stata una giornata dura.
Allora volevo condividere queste mie elucubrazioni.
Senza impegno.

Ci son giorni in cui anche il respiro ti pesa
il cuore nella cassa toracica fa fatica a battere
Ci son giorni in cui vorresti annullarti
in cui nulla ha senso, il bene, il male, il bello, il brutto
son solo parole prive di significato.
Ci son giorni in cui ti senti la vita defluire dal corpo
come se avessi tante piccole emorragie da cui il sangue
esce goccia a goccia, lentamente, lentamente.
In questi giorni la vita la morte il dolore son solo parole
Tutto è effimero, niente è importante.
Si vaga in un limbo di eterno nulla,
dove si vorrebbe urlare ma la voce muore in gola
ci si sente cadere senza possibilità di fermarsi
senza arrivare mai in fondo
al buio senza niente
sai che nel buio c'è una piccola piccola porta oltre la quale
c'è Lei, ma non la trovi, non hai nemmeno voglia di cercare.
Vorresti fermare il cuore, smettere di respirare.
Vivi attimi intensi eterni.
Sempre più eterni.
Ti chiedi il perchè del tuo essere.
Essere.
Io sono, ci sono.
Devo pur avere un senso.
Tutto ha un senso in questo mondo..anche gli insetti.
Io che senso ho?
Tutto il mondo è atono, nulla vive.
Però il mio cuore pulsa ancora...
Non c'è alcun rumore.
Nulla.
Non sono niente.
No, non è vero.
Anche io sono.
Io penso.
Io amo.
Io ho un cuore che batte.
Io sono sano.
Io sono vivo.
E so che OLTRE quella piccola porta c'è la speranza.
Lei, non devo mai perderla mai dimenticarla.
Lei mi da la costanza, il coraggio di andare avanti.
Lei mi dà i colori, la luce, la vita.
Ogni giorno è prezioso, ogni giorno se vissuto con lei ha senso.
Ogni giorno è migliore.
L'importante è crederci.


--------------
Scusate ora posso fare il commento.
Tutte paranoie da precompleanno, ogni tanto il Dart Fenner che è in me deve pur parlare no?
Se ci son errori non badateci ho scritto tutto di getto senza rileggere..altrimenti cancello tutto.
Ora vado avanti con le ricette.

lunedì 10 novembre 2008

PREMIO CRICETO GOLOSO

Fantasilandia mi ha passato questo simpatico premio..non è dolcissimo il criceto?
Non ho capito bene...mi pare si passi a 5 blogs rinomati per la golosità giusto?
Ed allora non posso non premiare..questi...però mi limito eh?
Io vorrei premiare tutti..trovo sempre golosità ovunque navigo

Dolci a gogo il titolo è tutto un programma
Pain et chocolat ora si vede quanto sono golosa
Fior di farina ma che belle tortine fa questa donnina
La mela stregata anche qui sembra che i nomi siano un destino
Un kilo di ricette ed un kilo ogni volta che vedo quella torta choco banane..squisita..si vede.
ciao ragazze.
Buon lavoro a tutte.
Ed anche se non vi ho nominate..penso a tutte quante ..tant'è che il mio giretto lo faccio quotidianamente.

AGGIORNAMENTO 25 NOVEMBRE.
Ricevo il premio anche da Mary che ringrazio sentitamente.

PENNETTE CON BROCCOLI E ZUCCA

Questa è un po' lunghetta..ma merita.
Eventualmente si può preparare in anticipo coprire con pellicola mettere in frigo e passare al grill il giorno successivo
PENNETTE CON ZUCCA E BROCCOLETTI CI GEN 01

x 4 persone
350 gr zucca pulita
320 gr pennette
160 gr broccoletti
150 gr speck
olio d'oliva
panna
grana padana
burro
sale pepe
kcal 484 a porzione

Cuocete nel mo la zucca per 8'.
Lessate per lo stesso tempo i broccoletti, già divisi in ciuffetti in acqua bollente salata.
Scolateli al dente e sgocciolateli bene.
Mettete nella stessa acqua la pasta, cuocetela e scolate.a.
Frullate la polpa della zucca con 2 cucchiai di panna e 2 cucchiai di grana grattugiato insaporendo il tutto con un'abbondante macinata di pepe.
Tagliate a listarelle lo speck e rosolatelo in una padella con poco olio.
Condite la pasta con la salsa di zucca e lo speck.
Imburrate una pirofila e distribuitevi la pasta.
Disponetevi sopra i ciuffi di broccoletti.
Cospargete con una spolverata di grana ed infiocchettate di burro.
Passate la preparazione sotto il grill per qualche min quindi servitela ben calda.

venerdì 7 novembre 2008

CAKE DI CASTAGNE RADICCHIO NOCI E TALEGGIO



Adesso voi direte..capirai che fantasia...e che volete farci?
Più di questa non ho...
Allora le crespelle di castagne al radicchio erano favolose semplicemente...ed ho pensato perchè non proviamo a farci un cake salato?
Eccolo qui.
L'ho tagliato da tiepido..ed invece va tagliato da freddo.
Allora appena uscito dal forno era buono..il giorno dopo divino.
Decidete voi.
CAKE DI CASTAGNE CON RADICCHIO E NOCI++

3 uova
150 gr yogurt greco
2 cucchiai di olio di riso o olio di semi di mais
sale
pepe
90 gr farina di castagne
90 gr farina 00
50 gr asiago grattugiato
50 gr parmigiano grattugiato
qualche gheriglio di noce tritato grossolanamente
mezzo cespo di radicchio rosso di Treviso
1 bustina di lievito per torte salate
qualche boccone di taleggio
Preparazione:
Sbattere poco, con frullatore, le uova con lo yogurt, unire l'olio, la farina setacciata al lievito, i formaggi, sale e pepe.
Poi con il cucchiaio di legno il radicchio a listerelle, le noci tritate grossolanamente e qualche dado di taleggio.
Versare in uno stampo da plum cake cm 22 lungh foderato di carta forno e livellare bene.
Cuocere a 180° per 40-50' -io uso ventilato-
Far prova stecchino.
Note:
Praticamente era un mug di ripieno avanzato dalle crespelle e che ho provato a riciclare...però alla faccia del riciclo...

FILONCINI CROCCANTI AL MAIS

e

Quando compro la cucina italiana ormai...vado subito a vedere il pane..poi mi sfoglio e risfoglio e risfoglio con calma tutta la rivista spulciandola ben bene...però il pane è la prima cosa..
Questi li avevo visti e li volevo fare e non avevo mai il tempo, gli ingredienti..finalmente ce l'ho fatta.
Unica variante che ho fatto è stata la forma..sul giornale erano più tipo baguette..lunghi e stretti..io li ho fatti più cicciottelli.
Nonostante l'apparenza..son di un buono di un buono ma di un buono che i bimbi ne hanno divorati 2 appena usciti dal forno...mi sa che devo rifarli...
FILONCINI CROCCANTI AL MAIS CI OTT 08

primo impasto
400 g farina 0
30 gr lievito di birra--io 12,5 gr--
15 gr malto d'orzo
Secondo impasto_
200 gr farina 0
100 gr farina di grano tenero manitoba
100 gr latte
100 gr fioretto di mais
30 gr strutto
20 gr farina di mais piu' un po'
12 gr sale
1 tuorlo

Primo impasto
Nel bicchiere del mixer setacciate la farina 0 e sbriciolatevi il lievito con le mani.
Unite il malto, 200 gr di acqua ed impastate fino ad ottenere un impasto liscio , poi lavoratelo brevemente a mano sulla spianatoia e modellatelo a sfera.
Mettetelo in una ciotola, copritelo con un canovaccio umido e lasciatelo lievitare a 28° per 30'--io avendo messo meno lievito..ho dovuto prolungare i tempi--.
Secondo impasto:
Riunite nel boccale del mixer, la farina 0, la manitoba, il primo impasto --spezzettato--il fioretto, la farina di mais, il latte e 50 gr di acqua.
Impastate brevemente fino ad ottenere una consistenza grossolana,quindi unire il sale, lo strutto --io ammorbidito--ed il tuorlo.
Io ho anche aggiunto un po' di acqua ulteriore
Coprite l'impasto ottenuto con un canovaccio umido e fate lievitare per altri 40'.
Capovolgete l'impasto lievitato sulla spianatoia e dividetelo in 4 panetti.
Allungateli tirandoli alle estremità ed appiattiteli con le mani in 4 rettangoli di 32x14.
Arrotolateli uno ad uno su ste stessi ricavandone 4 filoncini di 40 cm diam cm4.
--Io qui li ho fatti più corti e più cicciotti--
Cospargete un canovaccio con la farina di mais, adagiatevi i filoncini, incideteli con una lametta copriteli con un telo umido e lasciateli lievitare per altri 30-40'.
Infornateli a 180° per circa 25' o finchè saran dorati.
Io li ho cotti 5' a 200° poi ho finito cottura a 180°.

giovedì 6 novembre 2008

ORZOTTO CON LA ZUCCA


Questo invece è un esperimento per vedere se ai bimbi piaceva..loro non lo hanno degnato di uno sguardo noi invece abbiamo apprezzato molto.
Direttametne da Cucinare bene di settembre 2008
ORZOTTO CON LA ZUCCA
ingredienti:
320 gr orzo perlato
1 l di brodo vegetale
400 gr zucca
30 gr grana
140 gr cipolla
pepe in grani
1 spicchio di aglio -che io non ho messo--
olio evo
sale
Preparazione:
Scaldare l'olio fatevi rosolare aglio e cipolla.
Togliere l'aglio.
Unire orzo e la zucca a dadini decorticata.
Far insaporire mescolando.
Unire brodo vegetale.
Coprire e cuocere per 20'.
Insaporire con abbondante pepe.
Aggiustare di sale.
Togliere dal fuoco.
FAr riposare 10' perchè assorba più brodo.
Servire con grana.

FOCACCIA DI CECI


Questa focaccia che ho fatto in alternativa alla pizza,è moolto saporita..persino troppo per i miei gusti..ho diminuito la salsiccia e lo stracchino, rispettivamente a 300 gr di salsiccia e 250 di stracchino aumentato l'indivia..però è comunque adatta a persone dall'appetito abbondante e magari ad una birrata in alternativa alla pizza..una fettina per ciascuno..altrimenti è troppo.
In ogni caso merita veramente.

FOCACCIA DI CECI FARCITA CI

salsiccia g 400 - stracchino g 300 - mezzo cespo di indivia riccia - uno scalogno - uno spicchio di aglio - olio extravergine - pepe in grani - Focaccia: farina speciale per pizze g 350 - farina di ceci g 150 - lievito di birra g 18 - olio extravergine d'oliva - sale

Preparazione

Mescolate le due farine, unite il lievito sbriciolato e un cucchiaio di olio. Stemperatele con g 250 di acqua tiepida in cui avrete diluito una presa di sale. Lavorate il composto ottenendo un impasto liscio ed elastico, copritelo con un canovaccio inumidito e lasciatelo lievitare per un'ora. Sbucciate lo scalogno, tritatelo, rosolatelo in padella con un filo di olio e uno spicchio di aglio, unendo infine la salsiccia sbriciolata. Dopo 1-2' aggiungete l'indivia a pezzetti e cuocetela per 3'. Distribuitela quindi su un vassoio a raffreddare. Dividete la pasta, ormai lievitata, in due parti, e tiratele sottili ottenendo due grandi rettangoli. Accomodatene uno su una placca ben oliata, distribuitevi lo stracchino a tocchi e la salsiccia saltata con l'indivia, irrorate di olio, insaporite con una macinata di pepe e coprite con l'altro strato di pasta, sigillandone i bordi. Spruzzate pochissima acqua sulla superficie della focaccia, livellatela, ungetela, cospargetela con poco sale e lasciatela riposare ancora 30'. Infornatela infine a 250 °C per 10-12'.

PREMIO DARDOS


Manuela e Laura Fantasilandia Soleluna ladiko, Maddea Val oggi mi hanno consegnato questo premio..francamente è un po' oneroso.

Questo è un premio che riconosce i valori che ogni blogger dimostra ogni giorno nel suo impegno a trasmettere i valori culturali, etici, letterali e personali. In breve mostra la sua creatività in ogni cosa che fa'.

AGGIORNAMENTO 10 NOVEMBRE:
Si aggiungono come mie premianti--ragazze!!!! una pluripremiata!!---
Melania
Mirtilla che dolcissima ci aggiunge anche questa motivazione
per tutte le cose buone,dolci e salate,che ci propone ogni giorno,per la sincerita'e dolcezza che traspare dai suoi gesti e parole.
E che per questo merita un baciotto speciale
Nanà

1) Accettare e visualizzare l'immagine del premio e far rispettare le regole.

2) Linkare il blog che ti ha premiato.

3) Premiare altri 15 blog e avvisarli del premio.

Allora facciamo così.........son troppo di corsa io per riuscire oggi a scriverli tutti..poi mi aspetta un week end da panico..poi mi dimentico il premio.
Solo per oggi questo premio lo lascio ai primi 15 che passano di qua...ok?
Grazie a tutte.
ciao

mercoledì 5 novembre 2008

LE RACCOLTE:ZUPPE DI CRISTINA


Cristina ha inoltre indetto questa raccolta che anche qui mi vede ..come dire..fornita.
Vellutata di porri
Vellutata di zucca
Zuppetta di pomodoro con quenelles di ricotta
Vellutata di melanzane e yogurt
Minestra di pomodori e zucchine
Minesetrone di patate peperoni e capperi
Creme brulee di pomodori
Crema di peperoni
Passato di verdura
Zuppa di cannellini
Zuppetta di spinaci
Crema al cavolfiore
Zuppetta povera
Crema di mais con dadolata di carote
Zuppetta light con la robiola
Zuppa di patate e yogurt
Zuppa di cavolo cinese
Crema di sedano rapa
Crema di spezzati
Crema tricolore
Crema di sedano rapa e zucca
ok che lavoraccio!!
Spero di avervi fatta cosa gradita e soprattutto di non aver sbagliato i link.
;)

LE RACCOLTE:LE RICETTE DEL CUORE

Laura ha proposto queste simpatiche ricette del cuore.
Io come ricetta del cuore, del ricordo, della coccola, della nonna...ho questa sempre
la ns torta di mele
Mi spiace essere monotona ma per me è questa.

PREMIO DOLCEZZA


Ho ricevuto questo premio da Germana con questa motivazione

per il grande amore per la sua famiglia ed i suoi bambini in particolare.
AGGIORNAMENTO 6 NOVEMBRE RICEVO ANCHE DA Fantasilandia questo stesso premio.

AGGIORNAMENTO 11 NOVEMBRE NUOVA NOMINATION DA Golosòtopi
ma quanto siete carini!!!
Innanzitutto Germana, grazie mille!
Son felice che trapeli questo di me..a me sembra di essere una mamma isterica e perfida.
AGGIORNAMENTO 13 NOVEMBRE...EHEHEH!! MA QUANTO MI PENSATE?
Anche Giugiu' mi ha fatto questo simpatico regalo..
vi confesso che non sono poi così dolce!!

Poi, io non riesco a scaricare questo premio in nessuna maniera nè con mozilla nè con explorer..vedo che è un problema mio, perchè non riesco a scaricare nemmeno le vs foto per le raccolte per inserirle a lato come fate voi...
Boh non so per quale ragione..alcune riesco a caricarle alcune no...
Se mi potete aiutare...GRAZIE!!!
Altrimenti non importa....

Per quanto riguarda il regolamento che trovate sempre sul link in alto che ho già riportato..faccio anche io le mie segnalazioni

Manu e Silvia ho visto che Germana ve l'ha già assegnato ma voi siete due ed è giusto che abbiate un premio per ciascuna no? e poi vi trovo anche io così dolci nello scrivere sempre alla prima persona plurale.
Ho anche scoperto che siamo vicine di casa...pensa te...
Caty perchè è una persona veramente speciale, non un'icona vuota, una persona con un anima e con sentimenti.
Questa in realtà è una motivazione che vale per tutte le persone che sto nominando comunque..e spero di non dimenticare nessuno
Mirtilla perchè ci sei.
Sempre presente anche se sempre impegnata.
Lo: perchè non si dimentica mai di me e delle mie parole tra un post e l'altro e con pazienza mi segue nelle mie divagazioni mentali
Arietta perchè ha passato un brutto momento e con dolcezza estrema l'ha espresso pubblicamente sul suo blog..sperando che sia tutto passato.
Mi hai fatto tanta tanta tenerezza.
Clamilla dalle foto sei così piccolina quasi fragile ma poi devi avere il carattere di ferro come tutte le mamme vero?
Mi fai tenerezza come un cucciolo che segue altri cuccioli.
Serena perchè ho pianto con te per la tua Cornelia, ed ho sorriso quando hai avuto il cuore per prenderti l'ultimo micio trovatello.
Un bacio.

Ragazze, ragazzi..ne avrei ancora tanti da nominare.
Francamente non pensavo che in questo mondo virtuale potessero nascere amicizie più profonde di quelle reali.
E son felice di averVi conosciuti tutti..anche quelli che non ho nominato qui..vorrei nominarvi uno ad uno con la spiegazione...ma non voglio essere melense...
Un baciotto a tutti e si riparte.
Via.

martedì 4 novembre 2008

CALZONE CON BROCCOLI PROSCIUTTO CRUDO E PROVOLONE PICCANTE


L'impasto è sempre questo
che è quello che faccio quando non ho il tempo di fare la biga.
La farcia stavolta è stata cavolfiore romanesco cotto a vapore, sale pepe, provolone piccante e prosciutto crudo.
Dopo la prima lievitazione ho steso la pasta, farcito con prosciutto e sopra gli altri ingredienti su metà pizza..chiuso a calzone e fatto lievitare nuovamente.
Poi ho cotto.
Ecco qui..
unica decorazione un filo di pomodoro che la prossima volta non metto..ci sta meglio un filo di olio e basta o niente.
Non so quanto renda la foto..comunque era veramente eccezionale.

lunedì 3 novembre 2008

CRESPELLE DI CASTAGNE CON RADICCHIO TALEGGIO E NOCI



Gooooooooooooooooooood morning Gente!!!!! Eccomi qui bella pimpante di lunedì dopo un week end...da brivido!
E non solo perchè c'era Halloween.
Cominciamo con venerdì 31 ottobre..qui pioveva anzi diluviava.
Ovviamente punta massima di piovosità, 8.30 e 11.45 e 13.00 cioè gli orari di uscita ed entrata dei bimbi.
Mi è saltata la luce 3 volte..non capivo più che ora fosse...un caos.
Sono arrivata in ritardo da entrambi i bambini.
Poichè pioveva a dirotto stavano già riportando dentro Leonardo..non è che son proprio arrivata due ore dopo eh? al massimo 2 minuti..solo che c'era la fiumana di gente che usciva tutti con ombrelli bimbi e non riuscivo a passare tirando la mia piccola per andarlo a prendere.
Quindi quando sono arrivata quasi scoppiava a piangere..mi son sentita un mostro.
Inoltre la maestra ha pensato bene di giustificarmi dicendo a mio figlio:
vedi le mamme quando hanno 50.000 figli non ne perdono uno, quando ne hanno solo 2 se li dimenticano in giro.
Ora dico io?

Andiamo oltre.

Ci son stata di un male...
Comunque mi son tirata su subito.
Ho preparato queste deliziose crespelle...

CRESPELLE DI CASTAGNE AL RADICCHIO ROSSO CI


latte g 250 - taleggio g 200 - radicchio rosso di Verona g 200 - farina di castagne g 65 - farina bianca g 65 - noci sgusciate g 50 - 2 uova - Grana Padano - burro - sale

Preparazione

Mescolate in una ciotola le 2 uova, un cucchiaino di burro sciolto nella padella in cui cuocerete le crespelle e un pizzico di sale. Incorporatevi le farine, diluendo il tutto con il latte e con questo composto cuocete 8 crespelle nella padella già unta di burro Tagliate a dadini il taleggio e mettetelo in una ciotola. Impastatelo con il radicchio, tagliato a listerelle sottili. Unite le noci tritate grossolanamente. Riempite con questa farcia le crespelle, piegatele a fazzoletto e disponetele in una pirofila in un unico strato. Cospargetele di grana grattugiato e infiocchettatele di burro Passatele nel forno già scaldato a 200 °C e cuocetele per 8'. Servitele ben calde.

IO HO USATO RADICCHIO ROSSO DI TREVISO.
BUONE!!!!

domenica 2 novembre 2008

VELLUTATA DI PORRI


Da qualche giorno su Italia 1 dopo il tg fanno questa rubrica ''Cotto e mangiato'' condotto da Benedetta Parodi..
Ci son tante belle ricettine veloci veloci e gustose adatte alla vita di oggi.
Io ho preso questa intanto..
VELLUTATA DI PORRI COTTO E MANGIATO

Due porri grandi o 4 piccoli, 3 patate medie un dado, una bustina di zafferano mezzo bicchiere di latte, qualche fetta di pane casereccio , parmigiano quanto basta.
Mettete in una pentola i porrii tagliati a rondelle, aggiungete le patate tagliate a pezzi poi aggiungete tanta acqua fino a coprirli appena appena , un dado e fate bollire il tutto. Quando i porri e le patate saranno morbidi frullate il tutto aggiungete lo zafferano e il latte . In una padella con un po' d'olio fate saltare le fette di pane tagliate a dadini. Quando saranno croccanti, spegnete il fuoco e aggiungete due manciate abbondanti di parmigiano.


Ha uno spiccato sapore di zafferano, a me è piaciuta molto.

FARFALLE CON PEPERONI POMODORO E TONNO

Il piatto non è speciale..ma poichè io sono un osso..proprio come mio figlio..insisto.
Allora le farfalle sotto non esiste non le hanno mangiate nè lui nè la sorella scimmietta perchè hanno quelle cose verdi..cioè zucchine e peperoni..ed allora cosa fa la mamma?
Fa un bel sughetto con il pomodoro ed i peperoni..frulla tutto e poi lo mescola al tonno...così va bene?
si è tutto rosso...mangiato!

FARFALLE CON SUGO DI PEPERONI POMODORI E TONNO
Ingredienti:
Farfalle o altra pasta corta
3 peperoni verdi piccoli--sempre quelli dell'orto di mamma--
4-5 pelati o pomodori freschi
1 spicchio di aglio
olio extravergine di oliva
sale
tonno sott'olio ben sgocciolato
maggiorana qb
Preparazione:
Mentre l'acqua per la pasta bolle, in un tegame scaldare l'olio e fatevi rosolare l'aglio che poi toglierete, unirvi i peperoni a dadini e fate andare per qualche minuto, poi unire i pelati.
Portare a cottura.
Spegnere, frullare con il minipimer.
Unire il tonno sgocciolato e la maggiorana.
Condire la pasta con grana.

STRACCETTI DI POLLO


Ecco, mi son appena lamentata del bimbetto e poi per farlo contento preparo quello che piace a lui...però non al solito modo.
Almeno a forza qualche altro sapore lo impara.
Questa è molto molto saporita però è piaciuta.
STRACCETTI DI POLLO CROCCANTE CI OTT 08

450 gr polpa di pollo
200 gr pangrattato
10 rametti di timo-io ho messo timo secco ad occhio--
2 uova
tabasco
paprica o altre spezie a piacere tipo tandoori--io paprika--
farina
olio di arachide
sale
Preparazione:

Riducete a bastoncini la polpa di pollo.
Raccoglietele in una ciotola e massaggiateli con la paprica per farla aderire bene uniformemente.
Sigillate con pellicola e far riposare per 10'.
Intanto battere le uova con 2 cucchiai di acqua 1 di tabasco e le foglioline di timo tritate.
Passate gli straccetti prima nella farina, scrollateli bene poi passateli nell'uovo e nel pangrattato.
Friggete e servite subito.

FARFALLE VERDI

Tutto verde...speravo che i bambini la mangiassero vedendola tutta colorata in tinta..non c'è stato verso..peccato!
Non sanno quel che si son persi..me la segno perchè l'ho inventata al momento con quel che avevo.
Veramente ottima comunque.
FARFALLE VERDI ++

farfalle
olio evo
sale
1 spicchio di aglio
peperoni
zucchine
pistacchi non salati
grana

Preparazione:
Mentre l'acqua per la pasta bolle, in un velo d'olio rosolare l'aglio, unire i peperoni a dadini e far andare per qualche min, poi unire le zucchine a dadini salare ed infine i pistacchi.
Rovesciare nella padella del sugo le farfalle scolate e spadellare.
Unire il grana.
Servire

Non ho le dosi..ho fatto tutto ad occhio, comunque avevo 4 peperoni verdi dolci dell'orto di mamma piccoli e 3 minuscole zucchine.

PEPE & PEPERONCINO   © 2008. Template Recipes by Emporium Digital

TOP