VENEZIA

VENEZIA
PALAZZO DUCALE

lunedì 30 giugno 2008

INSALATA DI CUS CUS

Doveva essere un'insalata di burghul, ingrediente introvabile qui per me.
Per cui ho sostituito con cus cus.
Penso sia migliore con burghul, però, ed anche aspetto estetico..perchè è un po' più grosso da quello che ho capito...

INSALATA DI BURGHUL CON VERDURE da cucina italiana
burghul g 250 - 2 pomodori - 3 falde di peperoni colorati - una cipolla - una melanzana - una confezione di sgombri sott'olio - peperoncino piccante - aceto - olio extravergine - sale - pepe
Preparazione
Tagliate i pomodori a rondelle sottili da condire con olio, sale, pepe. Riducete a fettine anche la melanzana, conditele, scottatele nella padella antiaderente calda e sfumatele con un goccio di aceto. Preparate una dadolatina di cipolla e peperoni da saltare in un tegame con un filo di olio; unite peperoncino piccante, sale, il burghul e 3/4 di litro d'acqua calda per farlo rinvenire, mescolate e spegnete. Preparate quindi nei piatti individuali (o nel piatto da portata) dei tortini con il burghul a strati compatti, alternati con pezzetti di sgombro, fettine di melanzana e di pomodoro.


Comunque un piatto che merita anche con cus cus.

CARTOCCIO APERTO DI NASELLO

Non son brava con le foto..in più son fatte con il cellulare ma vi assicuro che è molto appetitoso.
Avevo anche preparato il cartoccio con tutte le onde...per metterlo nel piatto..ma ho appena fatto in tempo a fare la foto...poi non c'erano più neanche le onde...
Una precisazione sulla ricetta ci son le patate fritte surgelate, io odio quando in un giornale di cucina ti scrivono patate fritte surgelate oppure torta margherita pronta...se cerco la ricetta dovete scrivere le ricette, no?
E che cavolo!
Comunque io non le ho le patate a fette surgelate, e neanche altre...per cui ho preso le patate fresche tagliate con la mandolina, messe a bagno con acqua ghiacciata, scolate asciugate e fritte per 2-3', la ricetta non specificava se ste patate surgelate dovevano essere scongelate o no..per cui visto che passavano in forno 20' ho pensato fosse sufficiente una leggera frittura, e tra parentesi non capisco perchè non possano essere semplicemente sbollentate in acqua..tanto servono a raccogliere il grasso del pesce...per cui..la prossima volta faccio così.


CARTOCCIO APERTO DI NASELLO E VERDURE CI
filetti di nasello g 350
una confezione di patatine fritte, surgelate, a fette - fatte come sopra o semplicemente sbollentate
2 falde di peperone rosso arrostito - io ne ho usate 3-
prezzemolo
maggiorana
origano
capperi sotto sale
olio extravergine d'oliva
Preparazione
Rivestite una pirofila con carta da forno. Disponete sul fondo le fettine di patata ancora surgelate, senza il loro condimento. Tagliate a dadi il pesce e le falde di peperone. Appoggiateli, mescolati, sul fondo predisposto. Sciacquate bene i capperi e uniteli. Preparate un trito con un mazzetto di prezzemolo e una manciatina di foglie di maggiorana e di origano. Cospargete la preparazione con queste erbe. Irrorate il tutto con un filo d'olio e passate nel forno a 190 °C per circa 20'. Trasferite pesce e verdure con la carta nel piatto da portata e servite.

SPAGHETTI DELLA NAZIONALE


Un piatto da giugno...quando la nazionale ancora gioca..e sulla cucina italiana avevano proposto questo piattino leggero.

SPAGHETTI DELLA NAZIONALE
500 gr pasta
250 gr melanzane
120 gr zucchine
olio
aglio
origano
sale
pepe
Preparazione:
Mettere a lessare la pasta in abbondante acqua salata.
Nel frattempo, sbucciate la melanzana e tagliatela a dadini-io non l'ho sbucciata-, tagliate a rondelle le zucchine -io ho fatto a dadini.
In una larga padella dove ci possa stare anche la pasta, fate riscaldare l'olio con due spicchi di aglio a rondelle-io interi- e con una manciatina di origano, aggiungere le melanzane e farle rosolare, poi unire le zucchine e portare a cottura.
Salare e pepate-io ho messo un po' di peperoncino.
Scolare la pasta -io ci ho messo un po' di curcuma anche nel condimento e poi ci ho fatto saltare la pasta.
Per una versione meno light..aggiungere grana a volontà.

venerdì 27 giugno 2008

SPIEDINI FRESCHI DI ANGURIA


Con il caldo..io se posso evito di accendere forno ed anche fornelli...almeno a cena.
Per cui via libera a piatti freddi.
Purtroppo non posso eliminare del tutto l'ausilio del forno perchè qui vogliono la pizza, il pane, i biscotti, le torte...uffa!!!!
Qualche volta, però, visto che cucino io...faccio quello che voglio e devono subire anche il mio volere..chi non si adegua salta il pasto
Beh non è proprio così, poi corro a preparargli qualcos'altro.
Comunque ieri, dopo essere andata a fare la spesa con 40° all'ombra, supermercato e parcheggio vuoti....volevo un piatto decisamente dissetante ed avevo in mente questo che avevo visto sulla cucina italiana....facilissimo semplicissimo.
Allora, niente dosi, niente costrizioni, si fa quello che si vuole.
Si prende l'anguria e si taglia come volete, a dadi, a spicchi, si prendono le mozzarelline ciliegine quante ne volete, dei pomodorini anche quelli ciliegini, ma anche quelli grandi a dadi, non cambia il risultato.
Mettete tutto in una ciotola e condite con sale, pepe, olio extra vergine di oliva ed aceto balsamico, mescolate delicatamente -io l'ho fatto con la mano ad uncino, modello frusta ken- e poi alternate il tutto sugli spiedini, io ho messo dopo ogni pomodorino una foglia di basilico fresca, volendo si può condire anche quella.
Servire.
Non è fresco e veloce?
Ed è anche buono.

SPAGHETTI CON ZUCCHINE LIMONE E PISTACCHI


Dopo aver fatto i miei spaghetti melanzane limone e noci..ho visto questa variazione sul tema sul blog di Virginia come potevo non provarla?
Riporto qui la ricetta e come l'ho eseguita io.

LINGUINE CON ZUCCHINE LIMONE E PISTACCHI LO SPILUCCHINO
Per una persona
70g pasta
una zucchina grande tagliata a bastoncini
la scorza di mezzo limone
una manciata di pistacchi grossolanamente tritati
parmigiano grattugiato
olio
sale e pepe
una fogliolina di menta
Cuocere le zucchine in una padella con un filo d'olio, sale, pepe e la menta spezzettata. Aggiungere un goccio d'acqua per raggiungere la cottura voluta (al dente).
Nel frattempo, lessare la pasta e, una volta pronta, saltarla in padella con le zucchine, aggiungere il parmigiano, un filo d'olio, i pistacchi e, in ultimo, la scorza di limone. Servire.
Michela:
io ho messo pistacchi in granella miscelati a scorza di limone grattugiata e parmigiano grattugiato grosso, erbe a gogo miste non menta che non mi piace ma erba cipollina origano maggiorana e basilico tritate.
Le zucchine le ho saltate a dadini con un filo di olio uno spicchio di aglio che poi ho eliminato, un po' di peperoncino.
Salate.
Ed alla fine spadellate con le linguine, il misto erbe e parmigiano poco prima di spegnere il fuoco.

martedì 24 giugno 2008

INSALATA FREDDA DI PASTA

Questa ricetta mi ha fatto estate anche leggendola.
L'ho presa dalla cucina italiana, la rivista.


PASTA FREDDA AL PESTO DI OLIVE CI
Per 6 persone:
pasta corta (fusilli) g 500 - fagiolini lessi g 200 - 18 olive verdi snocciolate - 4 filetti di acciuga sott'olio - un peperoncino fresco piccante - 6 pomodorini sardi - una falda di peperone giallo - insalatina di stagione - prezzemolo - olio extravergine d'oliva - sale grosso, pepe in grani.


Conto calorie: kcal 523 (KJ 2188) a porzione
Lessate la pasta in abbondante acqua bollente salata, quindi scolatela e raffreddatela. Preparate il pesto di olive: raccogliete nel mortaio di marmo le olive verdi, i filetti di acciuga sgocciolati dall'olio di conservazione, ridotti a pezzettini, il peperoncino piccante privato di semi e filamenti bianchi, un mazzetto di prezzemolo, un pizzico di sale grosso e circa g 120 di olio. Lavorate a lungo con il pestello, per ottenere il pesto (salsa omogenea): potete preparare il pesto anche nel mixer, badando di non ridurre gli ingredienti in poltiglia. Condite la pasta fredda con il pesto preparato, poi trasferitela nel piatto da portata, su un letto di insalatina di stagione. Guarnite il piatto con i pomodorini a spicchi, i fagiolini e listerelle di peperone giallo. Irrorate con un filino d'olio, completate con una macinata di pepe quindi servite subito

SPIEDINI DI FRITTATA

Metti una sera d'estate, 30° nessuna voglia di cucinare, nessuna voglia di mangiare....e che faccio ?
Un antipasto con insalata..e così ho cenato.
Allora ho preparato una frittatina con 4 uova sale pepe ed un goccio -ma proprio un goccio - di latte e cotta in forno in una micropirofila foderata di carta forno, così non l'ho nemmeno imburrata per circa 15' a 180°, praticamente finchè si è rappresa.
Poi l'ho fatta raffreddare, capovolta e tagliata a dadini.
Banalmente infilata in spiedini alternando mozzarelline, pomodorini, ed olive verdi snocciolate.
A piacere se fosse un buffet, le servirei con una salsa di aceto balsamico, ottenuta facendo ridurre l'aceto in salsa sul fuoco basso.
Noi però le abbiamo gustate così erano piacevolmente fresche.

FOCACCINE CON FARINA DI CECI

Le foto son sempre con il cellulare ...ma almeno le abbellisco un po'..fan schifo uguale ma insomma son più passabili...o no?

Ieri ero senza pane e volevo farlo..ma non avevo tempo perchè non vi dico cosa mi son messa a fare.
Allora ho sperimentato una ricettina che ho trovato sul pacco della farina..ovviamente le dosi completamente sballate.
Le ho fatte ad occhio, per una volta fidandomi della mia -scarsa in verità- esperienza e son venute niente male.

FOCACCINE ALLA FARINA DI CECI++
Ingredienti:
100 gr. di farina di ceci
500 gr. di farina 00
1 bustina di lievito per pizze salate
100 gr. di olio di oliva
300 gr. di acqua foglie di salvia
sale
Preparazione: Mescolare la farina di ceci, la farina 00 e il lievito, sarebbe meglio usare un setaccio. Disporre la farina a fontana. Versare al centro della farina l'olio e l'acqua. Inizialmente girare con la forchetta e poi impastare. Lasciare riposare un quarto d'ora in frigorifero. Stendere la pasta con il mattarello fino a formare un foglio di un centimetro. Con una formina ricavare delle pizzette rotonde e disporle sulla carta da forno. Spennellare la superficie delle pizzette con con un goccio d'olio mescolato ad acqua. Spolverare di salvia e sale grosso pestati. Informare a forno caldo a 180°C per 10 minuti circa.

Son velocissime. Non necessitano di lievitazione e son veramente piacevoli

lunedì 23 giugno 2008

FORMAGGELLA


E' da ormai 2 mesetti forse 3 che compero il latte crudo al distributore.
Anzi, forse son più anche di 3 mesi non so.
So solo che il latte è buonissimo e che parto con tante di quelle bottiglie, che l'ultima volta credo di aver svuotato il distributore.
Ormai la gente mi conosce..all'inizio mi fermavano per dirmi guardi che non dura più di 3 giorni ed io a spiegare che a casa ho due vitellini e che il latte lo bevono in ben meno di 3 giorni..quello fresco poi..vi do le cifre, l'ultima volta ho preso ben 12 l di latte.
Ciò ieri, oggi abbiamo finito il primo litro e mezzo.
Per carità lo beviamo tutti, anche io e mio marito, anche il gatto del vicino per la verità però il più se lo bevono loro.
Tutto questo panegirico per dire che ho cominciato a prenderlo perchè ho pensato semmai ci faccio il formaggio o il burro.
Però non sapevo da che parte cominciare...avevo visto su un vecchio cucina italiana tutta la procedura e pareva semplicissima.
Poi però, ho visto anche qui Laura e qui Grazia, che si son lanciate nella produzione ed allora, per la verità non molto fiduciosa nelle mie capacità, mi ci son tuffata anche io.
Mi son procurata un cestino di plastica piccolo, rigorosamente comprato al centercasa..perchè qui nessuno vende formaggio fresco con il suo cestino..almeno io non li ho ancora trovati ed ho sperimentato.
Su la cucina italiana si parlava di 3 litri, non volevo rischiare di buttare via 3 litri di latte e quindi, non fidandomi di me ne ho usato 1 unico litro.
1 cucchiaino di caglio ed un pizzico di sale.
La prossima volta mi lancio con 3 l perchè con 1 è venuto un bocconcino di caciotta.
Bando alle ciance foto e procedura.


FORMAGGELLA
1 l di latte
1 cucchiaino di caglio-acquistabile in farmacia-
1 pizzico di sale.
Scaldare il latte a temperatura corporea, 35° , praticamente dovete riuscire a tenere il dito senza sentire bruciore.
Poi unire il caglio.
Lasciar riposare.
Si formeranno dei fiocchi di formaggio.
Dovete dopo circa 2 ore tagliarli in 4 come si fa per la pasta quando deve lievitare a croce.
Far riposare ancora.
Poi dovete prelevare il formaggio separandolo dal siero con una garza--io ho usato un canovaccio bianco di cotone non lavato con detersivi--e strizzare bene.
Mettere sotto un peso dentro sul cestino e lasciarlo così, in frigo coperto da pellicola.
Gettare ogni tanto il siero che si forma.
Io ho fatto riposare in frigo per 1 settimana.
Poi ho mangiato.

FRAPPE' DI PESCHE

Si vede eh che d'estate faccio ste cosette?

FRAPPE' ALLE PESCHE
ma anche alle albicocche, all'ananas, alle ciliegie... fate un po' voi
allora
per un bicchierone così:
2 noci pesche non sbucciate ma ben lavate ed asciugate
250 gr yogurt magro bianco-se preferite zuccherate-
ghiaccio tritato a piacere
succo di mezzo limone
Shakerare tutto e bere.

SPAGHETTI AL ''PESTO'' ROSSO


SPAGHETTI AL PESTO ROSSO
300 gr spaghetti
3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
1 spicchio di aglio
una bella manciata di formaggio grana
300 gr pomodorini ciliegia spellati
1 bel ciuffo di basilico
1 bella manciata di pinoli
sale
Preparazione:
Mentre lessa la pasta, scottare i pomodorini, spellarli, io lascio i semi -voi fate come vi pare il risultato non cambia- unite gli altri ingredienti, l'olio a filo alla fine e frullate tutto con il minipimer.
Quando è pronta condite la pasta.
Note:
A casa mia con queste dosi di sugo mangiamo 2 volte..considerate che io cucino 200 gr di pasta

MIELE

L'anno scorso, durante i nostri pellegrinaggi del sabato pomeriggio, da un centro commerciale all'altro, ci siamo imbattuti all'Auchan mi pare in uno stand dell'orzoro, quello della Nestlè, tanto per non far nomi.
Davano questa bibita gelata..e mi hanno regalato un ricettario--ormai mi vedono dalla faccia--
Devo dire che non avevo mai bevuto l'orzo gelato e ci è piaciuto talmente tanto che lo faccio spesso d'estate invece del caffè che pur deka fa sempre peggio dell'orzo.


MIELE DA RICETTARIO NESTLE'
3 cubetti di ghiaccio
200 ml di acqua o latte
3 cucchiaini di miele
3 cucchiaini di orzoro solubile
Versare nello shaker ed agitare energicamente.
Bere freddo.

Ovviamente si può mettere anzichè miele, zucchero a piacere.
Le dosi sono per una persona.

CAROTA E MELA VERDE



Quando è caldo caldo..io mi faccio spesso queste bibitine per merenda..alternandole ad uno yogurt con la frutta fresca oppure ad una bella macedonia.

La mia mamma mi aveva dato la sua centrifuga..ma come lei aveva già constatato, non mi piace perchè praticamente si ''spreca'' un sacco di frutta e verdura.

Praticamente la polpa rimane fuori e si estrae il succo.

Allora sebbene con la centrifuga venga fuori un succo e così un frappè anzi una specie di merendina da mangiare con il cucchiaino..ho preferito frullare la carota e la mela.

L'ho mangiata con il cucchiaino e mi è piaciuta un sacco.
CAROTA E MELA VERDE CI SPEC
300 gr di carota
1 mela verde
limone
1 arancia per guarnire
Centrifugare separatamente carote e mela.
Mettere nel bicchiere 200 gr di centrifugato di carota e 100 gr di centrifugato di mela, unite alcuni cubetti di ghiaccio ed il succo filtrato di mezzo limone.
Mescolate e guarnire con una spirale di buccia d'arancia e spicchi di mela verde

GRAZIE A TUTTI---2

Non è un post culinario, tanto per cambiare.
Volevo solamente ringraziarvi tutti.
Ho cominciato questa avventura nel mondo blogger il 9 gennaio di quest'anno.
Mai avrei pensato di iniziare a mettere le mie ricette in un blog quando ho cominciato a connettermi su internet.
Dal 14 aprile -data in cui ho messo il counter- ho ricevuto oltre 10000 visite.
Sono allibita, pensavo che nemmeno 4 gatti venissero a trovarmi e trovassero interessante quello che facevo soprattutto perchè sono un po' tutte opere da ''buona la prima'' come si fa di solito a casa ed anche le foto son proprio casarecce con il cellulare..
Ed invece son passate tante persone in 2 mesi, non pensavo veramente.
Mi sento in dovere di ringraziarvi di cuore veramente tutti.
Son commossa, ho stretto amicizie virtuali nuove, e mi sono affezionata al blog ed a tutti i bloggers.
Quando non mi collego per altre ragioni, mi mancate.
Un abbraccio forte forte a tutti.

giovedì 19 giugno 2008

FESA DI TACCHINO ALLE SPEZIE

E' un piatto un po' lungo da preparare perchè c'è da farlo marinare, ma l'unica difficoltà è rappresentata da legare la fesa.
E vale la pena il sacrificio di aspettare.
Per le spezie regolatevi a piacere.
Unica raccomandazione è di osservare l'arrosto ed eventualmente aggiungere altro brodo durante la cottura.

FESA DI TACCHINO ALLE SPEZIE CI MAR 02
900 gr fesa di tacchino
spezie miste in polvere -chiodi di garofano, cannella, paprika-
scalogno
sedano
carota
salvia
rosmarino
vino rosso robusto
brodo vegetale
olio extravergine di oliva
sale
pepe in grani
Dopo aver legato la fesa, accomodatela in una terrina cospargetela con 1 cucchiaio di spezie miste, una macinata di pepe, 1 pizzico di sale e bagnatela con 1 bicchiere di vino rosso, copritela con pellicola e fatela marinare una notte in frigo.
Al momento di cuocerla, toglietela dalla marinata, rosolatela in filo di olio, io mi son aiutata con 1 mestolo di brodo, girandola senza pungerla fino a che sarà ben colorita, poi unire altri 2-3 mestoli di brodo, un mazzetto di salvia ed uno di rosmarino e cuocere coperta per 50' a fuoco basso.
Servire a fette con il sughetto passato al passaverdura.

RUOTE AI PEPERONI



RUOTE AI PEPERONI
300 gr pasta corta
1 peperone rosso o giallo
2 cucchiai di pinoli
1 spicchio di aglio
alcune foglie di basilico
olio extra vergine di oliva
sale
Preparazione:
Lavare e mondare il peperone, privarlo dei filamenti e del picciolo, grigliarlo e spellarlo -si può fare anche al forno- per facilitare l'operazione di spellatura, si può farlo raffreddare in un sacchetto di carta.
Frullarlo con mixer ad immersione con abbondanti foglie di basilico, pinoli, l'aglio, un filo di olio extravergine di oliva.
Salare.
Condire la pasta.
Se serve, unire un po' di acqua di cottura della pasta-a me non è servito-

mercoledì 18 giugno 2008

FOCACCIA ALLA BIRRA CON POMODORINI

Niente di speciale.
Ieri pizza, ed ho rifatto l'impasto con la birra che avevo postato qui
praticamente mi sono innamorata.
L'unica variante-eh son fatta così non son mica capace di non variare- ho messo 200 gr di farina di kamut e 400 gr di manitoba-
Ovviamente le dosi sono per 1 pizza e per la focaccia di cui sopra, dovevo farla in una teglia un po' più larga..però siccome l'ho farcita con la mortadella-una cosa leggera-...beh buona!
Ah dimenticavo, l'ho fatta lievitare, stesa, fatta rilievitare, sopra ho messo i pomodorini stavolta ho trovato i piccadilly tagliati a metà salati e poi ho aggiunto qualche oliva nera snocciolata ho spennellato con un'emulsione al 50% acqua ed olio extra vergine di oliva, salato e cosparso di origano

CASARECCE ALLO ZAFFERANO

La ricetta originale prevedeva le tagliatelle, non le avevo e non ho fatto in tempo a farmele.
Sicuramente è la pasta adatta.


CASARECCE ALLO ZAFFERANO
350 gr casarecce
125 gr yogurt
100 gr panna
1 falda peperone rosso
1 falda peperone giallo
3 zucchine medie
grana
paprika
zafferano
agli prezzemolo
8 olive verdi
olio sale pepe
Far scaldare l'olio rosolatevi l'aglio tritato le falde di peperone a listerelle, le zucchine a julienne, ed infine le olive tagliate.
Salare e pepare.
Cuocere per 10'.
Aggiungere un pizzico di paprika e lo yogurt.
Completate con una cucchiaiata di yogurt.
Nel frattempo sciogliere lo zafferano nell'acqua della pasta cuocervi le tagliatelle, scolarle, mettere a saltare nella salsa.
Servire con grana
Note:
io ho messo yogurt greco magro, niente panna perchè non l'avevo.
Se volete ingentilire la preparazione, usate pure la panna fresca, a me tutto yogurt è piaciuto ed anche a mio marito.

martedì 17 giugno 2008

INVOLTINI DI NASELLO


Uno dei piatti più banali..però è di un buono.
Si può accompagnare ad una polentina morbida bianca, o gialla, ed una bella insalatina mista.
INVOLTINI DI NASELLO
Ingredienti:
2 filetti di nasello per persona, vanno bene anche surgelati
1 filetto di acciuga dissalata per filetto
1 cappero dissalato per filetto
Polpa di pomodoro o pomodori freschi
olive nere
1 cipolla
1 rametto di rosmarino-anche due-
1 spicchio di aglio
olio extra vergine di oliva
sale
vino bianco.
Preparazione:
Su ogni filetto di nasello, si mette dalla parte della polpa 1 filetto di acciuga ed un cappero si arrotola bene e si ferma con uno o due stuzzicadenti.
Si fanno rosolare in poco olio aromatizzato con uno spicchio di aglio e rosmarino.
Si sfuma con un po' di vino bianco.
Si elimina aglio e rosmarino a cottura.
A parte si prepara un sugo di pomodoro facendo rosolare la cipolla tagliata a velo in poco olio extravergine di oliva, eventualmente aiutandosi con acqua calda, si aggiunge la polpa di pomodoro e si fa addensare, si sala, in genere ci vogliono 10' più o meno.
Quando è cotto si unisce al pesce assieme alle olive nere snocciolate e si fa insaporire.
Tutto qui.

PANE CON LA CRUSCA

Dovevo eliminare un po' di farina integrale ed allora ho ''inventato''questo pane.

PANE CON LA CRUSCA MICHELA
biga
200 gr di farina manitoba
120 gr-più o meno di acqua
2 pizzichi di lievito granulare secco
Impasto:
200 gr farina integrale
100 gr crusca di frumento
1 cucchiaino di malto d'orzo
1 cucchiaino di sale fino
1 giro di olio extravergine di oliva
100 gr robiola o caprino
acqua qb ad avere un impasto morbido
Preparazione:

Fare la biga e lasciar lievitare a temperatura ambiente coperta per 12 ore.-io ho usato la macchina del pane come camera di lievitazione.
Unirla a pezzetti agli altri ingredienti, l'acqua a filo poco per volta fino ad avere un impasto morbido.
Impastare.
Far lievitare.
Stendere il pane, piegarlo in 3 come si fa per i tovaglioli.
Spruzzare di acqua.
Far lievitare.
Spruzzare di acqua.
Infornare a 200° per 5' poi abbassare a 180° per altri 20' circa con una ciotola di acqua sul fondo.
Io ho cotto con macchina del pane.

lunedì 16 giugno 2008

PASTA CON ASPARAGI


Scusate la foto sfocata..la fame era tanta!
Gli asparagi usati in realtà sono asparagine selvatiche, dall'orto di mia mamma, una delizia anche crude.
PASTA CON ASPARAGI
Ingredienti:
200 gr pasta
150 gr pancetta affumicata a dadini
1 uovo
parmigiano grattugiato a volontà
sale pepe
1 mazzetto di asparagini selvatici
Olio extravergine di oliva.
Preparazione:
In un velo di olio extra vergine di oliva ho fatto soffriggere la pancetta affumicata a dadini, quando siè ben rosolata ho aggiunto gli asparagini tagliati a rondelline, fin dove erano croccanti, dopo averli puliti e lasciati a bagno in acqua fredda.
Quando son pronti, salare e spegnere.
A parte sbattere un uovo intero freschissimo-possibilmente di galline allevate in libertà come direbbero le amiche galline- con sale, pepe ed il grana.
Cuocere la pasta, scolarla e poi mescolarla con l'uovo bene, in modo che con il calore della pasta faccia la ''bava'', senza rimettere sul fuoco, poi unirvi gli asparagi e gustare.


BANANA E FRAGOLA




BANANA E FRAGOLA CI SPEC
1 banana
120 gr succo di arancia
120 gr fragole
dose per 1 persona
Frullare la banana con il succo d'arancia, le fragole ed un cucchiaio di ghiaccio tritato.
Versate nel bicchiere e guarnitei a piacere con fragola ed una fettina di banana.
io ho fatto dosi doppie

INSALATINA DI CAROTE FINOCCHIO E PISTACCHI


INSALATINA DI CAROTE FINOCCHIO E PISTACCHI CUCINARE BENE MAGGIO 2006
1 pompelmo 180 gr o 1 arancia
4 carote 320 gr
1 finocchio
1 limone non trattato
1 arancia -solo succo-
40 gr pistacchi sgusciati
20 gr pinoli tostati
20 ml olio extravergine di oliva
1 macinata di pepe nero in grani
sale fino
Lavate il pompelmo ed asciugatelo.
Sbucciatelo al vivo, eliminando la pellicina amara ed arrivando alla polpa.
Infilate la punta di un coltellino tra la pellicola e la polpa di ogni spicchio spingete alla base per sollevare lo spicchio verso l'esterno.
Taglaite la polpa di pompelmo a pezzetti.
Lavorate su una ciotola o un piato fondo per raccogliere il succo.
Lavate il limone, asciugatelo e dividetelo a metà.
Spremete metà limonme e filtrate il succo.
Tuffate i pistacchi 1' in acqua bollente, scolateli e privateli della pellicina strofinandoli tra le dita o con un telo ruvido.
Eliminate le barbe verdi e le foglie esterne più dure e sciupate al finocchio.
Tagliatelo a metà e lavatleo bene.
Asciugatelo e tagliatelo finemente.
Tuffatelo in una ciotola con acqua molto fredda per mantenerlo croccante.
Spuntate le carote raschiatele con un pelapatate e lavatele.
Immergetele in una ciotola con acqua fredda acidulata con 1 cucchiaio di succo di limone.
Riunite il succo di limone e di arancia in una ciotola.
Aggiungete il succo di pompelmo raccolto nel piatto fondo ed un pizzico di sal.e
Sbattete con una piccola frusta fino a sciogliere completamente il sale.
Incorporate l'olio a filo continuando a sbattere, aggiungete una macinata di pepe ed emulsionate bene.
Sgocciolare le carote, asciugatele e tagliatele a fettine sottili.
Mettetele in un'ampia ciotola aggiungete i finochci sgocciolati ed irrorate con la salsina preparata.
Coprire con pellicola e mettere in frigorifero per 20'.
Togliete dal frigo, aggiungete la polpa di pompelmo, i pinoli ed i pistacchi.
Mescolate bene.
Servire a piacere accompagnando con il limone rimasto tagliato a fettine sottilissime.

PREMIO AL BUEN CORAZON

Sono stata invitata da Ladiko questo premio praticamente un'interrogatorio simpatico.
Allora mi fido della tua traduzione non conoscendo lo spagnolo anche se ad intuizione più o meno dovrebbe essere così per assonanza.

Un colore: blu
Un numero: 7
Un libro: Il codice da Vinci
Una canzone: Wonderful world
Una pietanza: pizza
Un dessert: tutti ma su tutti la sacher
Un posto: Dublino
Un film: Indiana Jones e l'ultima crociata
Un momento del giorno: la sera
Blogs, forum o chat?: mi mettete in crisi...blogs naturalmente
Un punto di riferimento attuale: la mia famiglia
Un punto di riferimento storico: tutte quelle persone che nell'anonimato hanno donato la vita per gli ideali in cui credevano
Un punto di riferimento nella finzione: Rossella O'hara, è talmente diversa da me che mi è simpatica
Un caffè: nero deka, bollente, senza zucchero
Progetti immediati:godere di ogni momento della mia giornata
Sei felice?: si
Osi dire la tua età?: si finchè gli altri si stupiscono, però non mi piace decantarla e mi piace non essere ascoltata o meno in base all'età.

Adesso il momento più difficile i 5 blogger da nominare, acc.
Allora:
I racconti di Afrodita, Giù e cat
Io come sono Pippi
La cucina di Daniela
La dolcetteria
The swan cake

Ragazze buon lavoro!
ciao

venerdì 13 giugno 2008

PASSATO DI VERDURA


Questo banalissimo passato è quello che facevo sempre anche ai miei bambini fin dallo svezzamento, piace anche a loro, o in purezza così oppure con un po' di pastina, un po' più liquido allora, glielo faccio con le stelline.
PASSATO DI VERDURA
Ingredienti:
1 cipolla
1 costa di sedano
2 carotine piccole o 1 grande
2 zucchine
2 patate piccole
Acqua quanto basta a coprire le verdure o un po' di più se si vuole la minestrina.
Preparazione:
Preparare tutte le verdure a dadini, coprirle con l'acqua, anche di 2 dita, mettere sul fuoco basso e lasciar cuocere per circa 45'-60' fino a quando le verdure si disfano, o servire così, o frullare con il minimiper.
Servire con un filo di olio extravergine di oliva, e grana, a piacere crostini.
Volendo si aggiune la pastina.
Semplicissimo ma di una bontà unica.

CIABATTE ALLE PATATE E ROSMARINO



Questa splendida ricetta l'ho presa qui dal forum di Cucina Italiana.
Maura grazie, un'altra splendida ricetta.
Sono buonissime, la crosta croccante ma morbida, l'interno fragrante ed al sapore di rosmarino, la patata non si sente ma dà gran sofficità all'impasto.

CIABATTINE ALLE PATATE M B FORUM CI
(MAURA B.)
Biga :
200 gr. farina Manitoba
100-110 gr. acqua
2 gr. lievito di birra fresco
Impastare gli ingredienti e lasciar lievitare 12 ore.
Impasto :
. 300 gr. patate (pesate a crudo) - cotte al microonde e poi passate nello schiacciapatate
. 400 gr. semola rimacinata di grano duro
. 200 gr. farina 0
. 200-210 gr. acqua
. olio evo (4 cucchiai)
. miele (1 cucchiaio)
. sale
. aghi di rosmarino secco (4 cucchiaini colmi) opp. semi di papavero

Impastare gli ingredienti, aggiungendo la biga a pezzetti. Il sale e il rosmarino vanno aggiunti a
meta' impasto. L'acqua va aggiunta gradatamente, non tutta in una volta, potrebbe non essere necessaria
tutta o volercene un po' di piu', dipende dalle patate. L'impasto finale deve essere molto morbido.
Mettere in ciotola unta d'olio e far lievitare un paio d'ore.
Riprendere l'impasto, dividere in otto porzioni uguali e fare le forme (io ho fatto un giro di pieghe a tre).
Spolverizzare abbondantemente con semola. Far lievitare nuovamente un paio d'ore e poi infornare a 220° gradi
per i primi 10 minuti e poi abbassare progressivamente fino a doratura.
Note Michela:
l'acqua dell'impasto non l'ho pesato per cui non so confermare se corrisponde, anche se ho impressione di averne messa di più.
Ho cotto le patate al microonde bucherellandole in vari punti 6' per parte al massimo potenza-mio mo 900w-
Ho sostituito il miele con il malto.
Ho spruzzato di acqua con spruzzino le ciabatte prima di farle lievitare e di nuovo prima di infornare...a metà cottura ho anche spolverato il forno sulle pareti ed ho messo la ciotola di acqua nel fondo.
Ho però usato la funzione ventilato.

CALZONE DI ZUCCHINE



Un viaggio fin dentro il calzone.
Ho rifatto l'impasto alla birra.
CALZONE ALLE ZUCCHINE++
500 gr farina manitoba
100 gr farina di farro
1 cucchiaino di sale
1 cucchiainio di malto d'orzo
1 giro di olio
300-350 ml metà acqua oligominerale leggermente frizzante e birra
Tanto quanto basta ad avere un impasto morbido non appiccicoso
1/4 di cucchiaino di lievito di birra secco granulare.
Preparazione:
Mescolare le farine, unire il lievito, il sale, il malto, l'olio ed impastare, unendo poco alla volta i liquidi a temperatura ambiente fino ad avere un impasto morbido non appiccicoso, far lievitare.
Riprendere l'impasto stendere.
Nel frattempo preparare 4-5 zucchine- le mie erano piccoline- trifolate in un giro di olio extravergine di oliva con uno spicchio di aglio che poi toglierete, ed un pizzico di peperoncino.
Portare a cottura, salare, spolverare di maggiorana, spegnere.
Mettere in metà pasta le zucchine trifolate, lo stracchino messo a fiocchi, io ne ho messo circa 100 gr ed un po' di dadini di asiago, e 2-3 fette sottili di prosciutto cotto-io ho messo mortadella-
Chiudere il calzone sigillare bene i bordi.
Emulsionare la superficie con una miscela di acqua ed olio ed a piacere spolverare di sale grosso-io ho evitato il sale perchè ho messo il peperoncino ed a me la pasta piace un po' sciocca...

giovedì 12 giugno 2008

INSALATA DI FINOCCHI GRIGLIATI E POMODORI


D'estate chi l'ha detto che si deve mangiare la solita insalata?
Sperimentiamo.
Allora ho grigliato i finocchi puliti, tagliati a fettine non troppo sottili su di una teglia rovente.
Ho pulito i pomodorini, lavati bene, e tagliati a metà.
Ho condito il tutto con una vinaigrette preparata con 1 spicchio di agli schiacciato -chi gradisce può metterne 2 io non posso- sale, pepe, 5 cucchiai di olio extravergine di oliva e 3 cucchiai di aceto balsamico, un trito di basilico e prezzemolo.
Condito e servito caldo.

SALAME DI TONNO

Questo è un piatto fresco..da mangiare..da fare no perchè bisogna comunque accendere il fuoco però si può fare...si scappa via.
E' velocissimo da fare.
Io ho fatto dosi doppie ed abbiamo mangiato in 4 -2 adulti e 2 bimbi- è venuto più o meno quello che c'è sopra...ovviamente manca un pezzo che si son mangiati mentre fotografato..vedete i resti in basso a destra....li ho lasciati per far vedere la voracità dei piranas.



SALAME DI TONNO
100 gr tonno sott'olio
1 cuk di parmigiano
1 cuk di pangrattato
1 uovo
Scolare bene il tonno e frullarlo con gli altri ingredienti.
Formare un rotolo avvolgerlo in carta forno legarlo e farlo bollire per 20' in acqua salata va immerso in acqua bollente- al fuoco minimo.
Togliere dal fuoco.
consumare così o con maionese
Senza sale, perchè il tonno sott'olio ed il grana danno la giusta sapidità.

LIMONATA AL ROSMARINO

Sete sete sete...quando c'è caldo sete..e liquidi a volontà allora ho deciso di aprire una nuova etichetta per radunarli tutti.
Cominciamo con una banalissima, o no?, limonata.

LIMONATA AL ROSMARINO CI
dosi per 1
2 limoni
30 gr zucchero o 10 gr fruttosio
rametti di rosmarino
Raccogliete nello shaker il succo di un grosso limone, lo zucchero, qualche foglia di rosmarino, parecchi cubetti di ghiaccio e 200 gr di acqua fredda.
Agitate quindi versate in un bicchierone nel quale avrete già messo alcune sottili fette di limone.
Guarnite con rosmarino ed una fettina di limone.

mercoledì 11 giugno 2008

MATTONELLA ALLE ZUCCHINE




MATTONELLA DI ZUCCHINE C MODERNA
800 g di zucchine 3 uova 200 g di ricotta 40 g di pecorino 150 g di pancarré mezzo bicchiere di latte uno spicchio di aglio un mazzetto di erba cipollina 20 g di pangrattato olio extravergine d'oliva sale pepe

Lavate le zucchine, asciugatele, tagliate le estremità e grattugiatele con la grattugia a fori grossi, in modo da ridurle a filini, poi avvolgetele in un telo pulito e strizzatele.
Pelate lo spicchio d'aglio e tagliuzzate con le forbici l'erba cipollina, quindi metteteli entrambi nel mixer, aggiungete il pancarré spezzettato e tritate il tutto. Trasferite il composto in una terrina e bagnatelo con il latte. Unite le uova, il pecorino grattugiato, la ricotta e infine le zucchine. Mescolate delicatamente l'impasto con un cucchiaio di legno per amalgamare bene gli ingredienti e aggiungete una presa di sale e una macinata di pepe.
Scaldate il forno a 180°. Foderate con carta da forno uno stampo da plumcake della capacità di un litro e mezzo e versatevi il composto. Livellate la superficie con il dorso di un cucchiaio inumidito, cospargetela con il pangrattato e irroratela con un filo di olio. Cuocete nel forno per circa 40 minuti. Sformate la mattonella, tagliatela a fette e servitela tiepida. CUCINA MODERNA 7/2003
Note: io non avendo il pecorino ho messo grana ed asiago a cubetti.
Ho aggiunto anche un po' di menta secca, se era fresca si sentiva di più.
Comunque molto buono.

martedì 10 giugno 2008

SPAGHETTI AROMATICI CON MELANZANE E NOCI


Questa ricetta, che mi ha passato mia mamma, è una delle mie preferite.
Non so lei dove l'abbia presa..però è molto buona e saporita.

SPAGHETTI AROMATICI CON MELANZANE E NOCI
spaghetti x 4
2 melanzane a dadini -io le cuocio per 2,30 al massimo in microonde in modo che assorbano meno olio
olio extravergine di oliva
1 spicchio d'aglio
sale
basilico
prezzemolo
scorza di limone grattugiata
un pugnetto di gherigli di noci
peperoncino
Parmigiano grattugiato
Preparazione:
Cuocere le melanzane intere senza picciolo per 2,30 al microonde potenza massima-il mio arriva a 900 w, altrimenti regolatevi di conseguenza- tagliatele a dadini, rosolatele in poco olio extravergine di oliva, aromatizzato con uno spicchio di aglio e peperoncino a vs piacere-io mezzo-salare.
A parte preparare la scorza di 1 limone bio grattugiata, unitela assieme ad abbondante formaggio grana, ed ad un trito abbonante di prezzemolo e basilico-io ho abbondato in quest'ultimo- poi unite un trito di gherigli di noce a vs piacere.
Mescolare il tutto.
Lessare gli spaghetti.
Scolarli al dente, e passarli in padella con le melanzane.
Versarvi il grana aromatizzato, mescolare bene e gustare.

SEDANINI PASTICCIATI

A me piacciono i piatti unici.
Anche perchè i miei bimbi non mangiano primo e secondo...son ancora troppo piccoli ed io pure mangio o il primo o il secondo per cui con un'unico piatto siamo tutti contenti.


SEDANINI PASTICCIATI
320 gr pasta
500 gr zucchine
1 uovo
1 spicchio di aglio
2 pomodori
basilico
olio
1 cipolla
sale pepe
Preprazione:
Fate rosolare olio ed aglio.
Rosolarvi le zucchine a rondelle.
Salare e pepare portare a cottura.
In un altra padella rosolare olio e cipolla unire i pomodori spellati e tagliati a dadini, salare, pepare e portare a cottura.
A fine cottura aromatizzare con basilico e maggiorana o origano freschi.
Lessare la pasta.
Quando la pasta sarà pronta scolarla bene, trasferirla in una grande padella-io uso la stessa dove ho rosolato le zucchine e spadellare la pasta con le zucchine, il pomodoro e l'uovo sin quando l'uovo si rapprende non a frittata, leggermente.
Servire con grana.






lunedì 9 giugno 2008

PIZZA ALLA BIRRA


Le foto delle pizze son fatte talmente in velocità che son sempre sfocate.
Dunque dopo aver fatto il pane alla birra che qui è piaciuto un sacco
ho pensato perchè non fare la pizza?
Visto che sul ricettario della birra moretti la segnalavano..via!
Niente di speciale basta sostituire l'acqua con metà birra.
Viene una pizza favolosa!!!!
E molto soffice.
Per comodità riporto come l'ho fatta stavolta:
500 gr farina manitoba
100 gr farina di farro
1 giro di olio extravergine di oliva
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di malto
circa 300 ml metà birra metà acqua leggermente frizzante
1/4 di panetto di lievito di birra-per la verità ho usato il granulare ..fino a che non lo finisco-
Io ne metto tanta quanto basta ad avere un impasto non appiccicoso ma non sodo..morbido in modo da avere la pizza alta.

TORTINO DI PATATE POMODORO ORIGANO


Questa è una preparazione semplice, e gustotissima.
Unica precauzione, grattugiare finemente le patate crude e tamponarle bene dopo averle sciacquate con carta cucina o un canovaccio in modo da asciugarle il più possibile.
Io ho anche spolverato lo stampo di pangrattato..
Abbondare in origano.


TORTINO DI PATATE POMODORO E ORIGANO CI
Ingredienti: (dose per 4 persone)
patate g 400 - pomodori g 200 - cipolla g 80 - 2 uova - burro - origano fresco o secco - sale - pepe
Conto calorie: kcal 136 (KJ 569) a porzione


Pelate le patate, lavatele e grattugiatele a filetti sottili. Sciacquatele per eliminare parte del loro amido, quindi scolatele molto bene, tamponandole con carta bianca da cucina o con un canovaccio. Tritate finemente la cipolla. Sbucciate, private dei semi e tagliate a dadini i pomodori. Rompete in una ciotola le uova. Mescolatevi patate, cipolla, pomodoro, abbondante origano, sale e pepe. Imburrate bene una pirofila del diametro di cm 20. Disponetevi il composto ben disteso e livellato. Passate nel forno già scaldato a 190 °C e cuocete il tutto per circa 20 minuti, finché la superficie del tortino sarà leggermente dorata. Servitelo tiepido o freddo, secondo il vostro gusto. È una preparazione semplicissima ma gustosa, adatta per la cena dei bambini e anche per un picnic o il brunch domenicale.

ZUPPA DI CANNELLINI


Più che un piatto..è una ''lezione'' di economia domestica.
Lungi da me insegnare qualcosa a chicchessia, ho solo da imparare.
Condivido questa mia esperienza, tutto qui, senza alcun tipo di pretesa.
Premesso che prediligo cibi freschi e di stagione, possibilmente dall'orto di mia mamma che non usa niente se non acqua ed infatti a volte non ha grosse forniture..a volte si perchè dipende dalla natura.
Premesso che cio nonostante vivo nella realtà, ed a volte è difficile procurarsi qualcosa di sano, ed è altrettanto difficile arrivare non a fine mese ma a metà mese..ho rispolverato due librini che ho, come cucinare con 3000 lire per 4 persone-3000 lire che ridere!- e piatti spendimeno..non chiedetemi l'editore perchè son talmente stati usati riusati e strausati che ho recuperato a malapena le pagine volanti di cui erano formati e non le ho nemmeno tutte.
Ciò tutto premesso...si consigliava alle massaie-parola odiosa- di fare scorte all'inizio del mese in concomitanza con l'arrivo della paga di scatolette da riutilizzare a fine mese.
Ora, non consiglio di fare provviste anche perchè siamo sommersi dall'immondizia e l'acquisto intelligente prevede che si eviti di comperare plastica e quant'altro gratuitamente se si può trovare lo stesso prodotto senza plastica.
Però qualche volta può far comodo aver una scatoletta o due da riutilizzare.
Per esempio io questa volta avevo preso le scatolette -in cartone, c'è una marca sola, anche senza fare nomi penso sappiate tutti quale è, di fagioli cannellini e volevo usarli in insalata ma visto che qua a volte è caldo a volte è freschetto..le ho utilizzate per fare una velocissima zuppa.
Non si fa altro che prendere le due scatolette, o 3 o 4, dipende da quanti siete e quanto mangiate..per noi son bastate 2, sgocciolarle bene dal liquido di governo.
A parte preparare un brodo vegetale.
Poi ho messo uno spicchio d'aglio, che poi ho tolto, ed una cipolla tritata a rosolare in poco olio, con una foglia di alloro.
Quando la cipolla è diventata trasparente, ho unito, i cannellini sgocciolati ed ho fatto rosolare per 1' circa,ho coperto di brodo, tolto l'alloro, e portato a cottura, a fine cottura, ho frullato-altrimenti qui i bimbetti fanno gli schifiltosi- e servito con un filo di olio crudo, grana, e per noi adulti una bella spolverata di pepe.
Non sarà sanissima, però è buona.
E non avendo niente in casa, mi ha salvato il pranzo.
Poi nel pomeriggio siamo andati a fare la spesa.

venerdì 6 giugno 2008

MEME

Ringrazio Stefano per il gentile pensiero, e lo giro a tutti quelli che mi leggono e tutti quelli che hanno voglia di tenerezza.

CIABATTA ALLE ERBE



Come al solito, foto un po' così, esecuzione sommaria beh portate pazienza vala' son le mie prime ciabatte.
Ci son piaciute molto, morbide e molto aromatiche, io ho messo anche basilico nelle erbe e son venute proprio buone.

CIABATTA ALLE ERBE CI GIU 08
I impasto:
500 gr farina 0
20 gr malto d'orzo
15 gr lievito di birra
II impasto:
300 gr farina 0
100 gr farina di grano duro
50 gr olio extravergine di oliva
15 gr sale
un cucchiaio di erbe aromatiche
(maggiorana, timo, rosmarino, salvia)

I impasto:
Impastate la farina con 300 g di acqua tiepida ed il lievito sbriciolato.
Aggiungete anche il malto e lavorate energicamente per 10'.
Note:
io ho usato farina manitoba spadoni ed ho dovuto aggiungere un po' più acqua.
Quando l'impasto sarà liscio modellatelo a palla, ponetelo in una grossa ciotola copritelo con un canovaccio bagnato e strizzato e fatelo lievitare per un'ora e mezzo a 28°c.
II impasto:
Sgonfiate la pasta lievitata e lavoratela sulla spianatoia incorporando la farina di grano duro, la farina 0, le erbe aromatiche tritate, l'olio, il sale, e 180 gr di acqua -anche qui ho dovuto aumentare un po'- alla fine la pasta dovrà essere morbida ed elastica.
Fatela lievitare, sempre coperta con il canovaccio umido per 30-40'.
Lavorare brevemente l'impasto e raccoglietelo a palla.
Dividetelo in 4 porzioni, spianate ognuna prima con i palmi delle mani, poi tirandone delicatamente le estremità.
Spolverate un canovaccio con abbondante farina, adagiatevi le ciabatte e fatele lievitare per 30'.
Trasferitele su una teglia foderata con carta da forno e capovolgetele, lasciando sopra la parte infarinata.
Praticate delle incisioni con un coltello affilato o una lametta e lasciate riposare altri 30'.
Infornate a 180° per 30'.
------
Vengono 4 ciabatte da circa 370 gr.
Il primo impasto si può fare la sera prima lasciando l'impasto in frigo per tutta la notte.
Io non ho potuto provare..eventualmente avrei diminuito il lievito.

POLPETTONE CON I CARCIOFI

Prima vi racconto un po' questa storia..
Allora, mia mamma ha l'orto.
Quando comincia la produzione si va a sommersione di ortaggi.
Ogni tanto inoltre, il vicino di casa pietoso, ci regala la sua sovraproduzione per cui ci son dei periodi che si mangia solo quello...per cui devo scervellarmi tra tutti i giornali, libri, ed ora anche internet a trovare qualcosa sempre di nuovo...
Esempio, l'altro ieri, mia mamma mi arriva a casa con pisellini freschi di giornata..dolcissimi una marea mangiati subito in purezza, 1kg più o meno di castraure ed 1 kg di zucchine...
Per le zucchine anche quelle...ho 200.000 ricette..intanto ho cominciato con la più veloce e semplice.
Le ho spadellate con poco olio ed uno spicchio d'aglio e quasi alla fine cottura una spruzzata di aceto di mele, portato a cottura, e spolverato con maggiorana.
Tanto per cambiare sono appetitose, veloci.
Visto che le castraure sono carciofini piccoli piccoli e visto che questa ricettina circolava in rete da un po' , l'ho vista qui, qui e qui non potevo non farmi tentare.
Ringrazio comunque in particolar modo Virginia perchè io per prima l'ho visto da lei.
In ogni caso non avevo lo speck, nè prosciutto crudo, nè la salamellina ho dovuto adattare un po' a quello che avevo.

POLPETTONE CON I CARCIOFI FORUM CI
Ingredienti
4 carciofi
400 g di macinato di vitello
100 g di speck
1 salamellina mantovana (100g circa) o mortadella
1 uovo
40 g di mollica
50 g di latte
1 limone
Prezzemolo
Olio evo
Sale e pepe


Procedimento
Pulire i carciofi, tagliarli in spicchi e lasciarli per qualche minuto in acqua acidulata con limone.
Scaldare una padella con un po’ d’olio e cuocere i carciofi per circa 20 minuti, con l’aiuto di un bicchiere d’acqua. Salare e aggiungere il prezzemolo tritato.
Nel mixer tritare insieme la mollica bagnata nel latte, la carne macinata, la salamella, l’uovo, un terzo dei carciofi ed un pizzico di sale e pepe. Quindi foderare uno stampo da plumcake (22x8cm) con carta forno, quindi con le fette di speck leggermente sovrapposte e lasciate cadere verso l’esterno in modo da poterle poi richiudere sopra. Riempire lo stampo con un terzo del composto di carne, quindi coprire con i carciofi e terminare con la carne rimanente.
Ripiegare le fette di speck sul polpettone e cuocere in forno caldo a 180° per circa 45 minuti.
Questa è la versione di Virginia.
Io non avendo tutti gli ingredienti ho fatto le seguenti varianti:

MEZZA SCATOLETTA DI RICOTTA AL POSTO DI MOLLICA-ANZI CAPRINO ALLE ERBE-
NOCE MOSCATA
PAPRIKA SALE E PEPE
IN IMPASTO
SALAME AL POSTO DELLA SALAMELLA E MORTADELLA.

Ne è venuto un polpettone con i fiocchi, magari con lo speck sarebbe stato sicuramente anche scenografico...io mio è un po' più scuretto perchè le castraure non son verdi brillante ma un po' più scurette dei carciofi.
Comunque lo consiglio a tutte..veramente ottimo!
Unico neo i bimbi non lo hanno nemmeno guardato.
Peccato, non sanno cosa si son persi

PASTA AI CARCIOFI CON ''FRICASSEA''



PASTA AI CARCIOFI CON ''FRICASSEA''
4 carciofi
2 tuorli
succo di 1 limone
prezzemolo
1 spicchio di aglio
sale
pepe
olio q.b.
400 grammi di pasta, a me piacerebbero le tagliatelle e tra le corte le farfalle o le caserecce con questo sugo, o anche i fusilli, ma non mi formalizzo ed uso quello che ho in casa
Pulire i carciofi, tagliarli a spicchietti e cuocerli in padella con olio e l'aglio: se necessario, aggiungere un po' di acqua (o brodo vegetale) per ammorbidirli. Salare e pepare. Mettere a cuocere la pasta: nel frattempo, preparare la salsa all'uovo sbattendo con una forchetta i tuorli e il succo di limone. Aggiungere il prezzemolo tritato e un cucchiaio di acqua di cottura della pasta per diluire la salsa. Scolare la pasta e padellarla con i carciofi, aggiungendo un po' di acqua di cottura se si dovesse asciugare troppo. Togliere dal fuoco e versare la salsa all'uovo sulla pasta, mescolando velocemente e facendo attenzione a non farla rapprendere, e servire.
Note: io ho usato le castraure...son dei carciofini piccolini dei carciofi non ancora formati..castraure appunto.
Molto saporiti.

mercoledì 4 giugno 2008

POLPETTONE FREDDO



POLPETTONE FREDDO CON RICOTTA
500 gr polpa di vitello
300 gr petto di pollo
150 gr ricotta
80 gr prosciutto cotto
1 zucchina
1 carota
1 uovo
grana
cardamono
noce moscata
aceto di mele
sale pepe

Amalgamare la carne, la ricotta, uovo, 2 cucchiai di grana, una grattata di noce moscata, un pizzicone di cardamono, sale pepe.
Allargare bene l'impasto su un foglio di carta forno appoggiato su un tagliere.
Mettervi sopra il prosciutto a bastoncini, la zucchina e la carota a bastoncini sbollentata in acqua bollente salata per 5'.
Formare il polpettone arrotolandolo aiutandosi con la carta forno.
Avvolgetelo e legatelo in carta forno.
Cuocere in forno caldo a 180- 200° per 40' senza olio nè altro
Servire a freddo accompagnandolo con una vinagrette ottenuta emulsionando 4 cucchiai di olio con 1 cucchiaio di aceto sale e pepe
Va tagliato da freddo.
E' ottimo anche il giorno dopo.

CUS CUS AL SUGO DI VERDURE ED OLIVE

Come sempre la foto è bruttina...con il cellulare mi cambian anche i colori..non era così giallo e poi sembra una mappazza..invece era buono.

CUS CUS CON RAGU DI VERDURE E OLIVE CI
una confezione di cuscus - pomodoro in scatola g 450 - carote g 250 - zucchine g 150 - olive verdi snocciolate g 100 - olio d'oliva - vino bianco secco - cipolla - prezzemolo - maggiorana - sale

Mettete a rinvenire il cuscus secondo le istruzioni sulla confezione. Mondate le zucchine, spuntatele, lavatele e tagliatele a spicchietti. Raschiate e spuntate le carote, lavatele e tagliatele allo stesso modo. Fate a rondelle le olive. Scaldate nella pentola a pressione 4 cucchiaiate d'olio e fatevi appassire dolcemente la cipolla, finemente tritata. Unitevi zucchine, carote e olive. Lasciate insaporire, poi irrorate con mezzo bicchiere di vino e lasciate evaporare. Completate con il pomodoro e con un trito di prezzemolo e maggiorana, salate, mescolate, chiudete la pentola a pressione e date 10' di cottura dal fischio. Servite il cuscus con il suo sugo.
Note Michela:
Io ho usato pomodori ciliegini freschi ed ho aggiunto anche 1 melanzana, al condimento ho aggiunto un po' di peperoncino

martedì 3 giugno 2008

INSALATA DI RISO


Quando arriva l'estate preparo l'insalata di riso...con infinite varianti sul tema.
Niente di che..diciamo che le metto qui per ricordarmele.

INSALATA DI RISO
Ingredienti:
riso -qui ho usato 3 cereali riso, farro, orzo
feta
pomodorini ciliegini spellati e tagliati a metà
olive nere snocciolate
capperi dissalati
un trito di basilico maggiorana ed origano freschi
Il tutto condito con sale, pepe ed olio extravergine di oliva, senza esagerare.
Abbiamo gradito.

PEPE & PEPERONCINO   © 2008. Template Recipes by Emporium Digital

TOP