VENEZIA

VENEZIA
PALAZZO DUCALE

sabato 31 maggio 2008

INSALATA DI POLLO FAVOLOSA++



Questa insalata di pollo è un vero jolly, va bene come antipasto, come secondo, come piatto unico...
E' una cosa favolosa credetemi.
E' frutto della inventiva di mia mamma.


INSALATA DI POLLO FAVOLOSA++
Ingredienti:
1 petto di pollo intero
2 o 3 coste di sedano verde
una bella manciata o due di olive verdi snocciolate
una bella manciata di capperi dissalati
2 o 3 mele grammy smith belle acerbe
olio extravergine di oliva
sale
pepe
succo di un limone spremuto
2 cucchiai di maionese light

Preparazione:
Attenzione per la buona riuscita del piatto il sedano deve essere verde e le mele devono essere le grammy smith.
Lessare il pollo in brodo bollente di acqua salata con 1 cipolla,1 carota, 1 costa di sedano, 1 patata, cuocere-in media 40'-
Scolare e far freddare.
Nel frattempo mondare le due coste di sedano dai filamenti, lavarle e tagliarle a rondelle, pelare le mele grammy smith e tagliarle a dadini non troppo piccoli e mettere il tutto in una ciotola, spruzzare subito con il succo di limone per non far annerire le mele ed unire le olive snocciolate ben sgocciolate dalla salamoia, i capperi ben dissalati, il pollo tagliato a listerelle, con moderazione condire con olio, sale, pepe.
Unire 2 cucchiai di maionese light-sempre senza esagerare-
Servire.
Si conserva bene anche in frigo per 2 -3 giorni se ci arriva.
Ottimo sia in estate con il caldo che in inverno.

RISOTTO ALLE FRAGOLE

Avevo delle fragole per casa..erano buone e belle così metà me le son mangiate nello yogurt...l'altra metà non erano sufficienti per una tortina ed allora le ho messe nel riso.
Procedura semplicissima...ho fatto il riso normalmente in bianco facendolo tostare e sfumando con vino bianco, a metà cottura ho messo le fragole tagliate a pezzi non troppo piccoli, ed ho portato a fine cottura.
Alla fine ho mantecato con grana e spolverato di pepe nero.
Servito con le fragole condite con aceto balsamico.
Ottimo veramente.
Da ripetere.





venerdì 30 maggio 2008

MEME MUSICALE

Ho messo due video di Elvis perchè la canzone di Bryan Adams..fa parte della colonna sonora del blog...è la seconda...
ciao

Elvis Presley - I Cant Help Falling In Love With You

ATTENZIONE PER ASCOLTARE BLOCCARE LA MUSICA CLICCANDO IL TASTO CON DUE BARRETTE VERTICALI CHE SI TROVA SOTTO IL MIO PROFILO IN BASSO SULLA DESTRA.
XXXXXXXXXX
IDEM COME ALTRA CANZONE.

elvis presley - always on my mind

ATTENZIONE PER ASCOLTARE BLOCCARE LA MUSICA CHE PARTE IN AUTOMATICO CLICCANDO IL TASTO CON DUE BARRETTE VERTICALI CHE C'E' SOTTO IL MIO PROFILO IN BASSO A DESTRA
XXXXXXXXX
COME SI PUO' PIANTARE UNO CON QUESTA VOCE CON QUEL VISO CHE TI DEDICA UNA CANZONE COSI'?

What a Wonderful World - Louis Armstrong

ATTENZIONE PER ASCOLTARE BLOCCARE LA MUSICA CHE PARTE IN AUTOMATICO CLICCANDO IL TASTO CON DUE BARRETTE VERTICALI SOTTO IL MIO PROFILO IN BASSO A DESTRA
XXXXXXXXXXXXXX
SECONDO ME E' LA CANZONE PER ANTONOMASIA

omd enola gay video

ATTENZIONE: PER ASCOLTARE SENZA INTERFERENZE BLOCCARE LA MUSICA CHE PARTE IN AUTOMATICO CLICCANDO IL TASTO CON DUE BARRETTE VERTICALI SOTTO IL MIO PROFILO
XXXXXXXXXX
QUESTA ME LA RICORDO SOLO IO?
L'HO BALLATA TALMENTE TANTE VOLTE CHE MI RICORDO ANCORA LE PAROLE A MEMORIA E LE MOSSE CHE FACEVO..SIMILVELINA PRESENTE?

Abba - Dancing Queen

ATTENZIONE PER ASCOLTARE SENZA INTERFERENZE BLOCCARE LA MUSICA CHE PARTE IN AUTOMATICO CLICCANDO IL TASTO CON LE DUE BARRETTE VERTICALI CHE SI TROVA SOTTO IL MIO PROFILO.
GRAZIE
XXXXXXX
QUANTO RIDICOLI SONO I VESTITI E LE PETTINATURE ALLA MODA GUARDATE ANNI DOPO?

MEME MUSICALE

Free Image Hosting at www.ImageShack.us



Dopo questa assenza ho scoperto di essere stata invitata al meme musicale da
Giovanna Stefano Laura

Regolamento:1.bisogna inserire il banner (trovate il codice qui)2. bisogna linkare il blog che ti ha dato il meme3. bisogna linkare altri 6 blog (cifra flessibile) che meritano un premio e, se possibile, spiegare il perché. Un blog può ricevere il premio innumerevoli volte!4. chi riceverà il meme potrà mettere il banner con la coppa in home page sul lato in modo da far vedere il premio ricevuto a tutti ivisitatori!

Allora, le mie canzoni preferite..sono innumerevoli, e mi hanno accompagnato in tutta la mia vita.Posso citarne solo 5 e questa è una grossa limitazione perchè sicuramente sono molte di più.Per cui tenterò di segnalare quelle più significative

1-Enola gay, l'ho ballata tante di quelle volte ai festini di adolescenti che credo di conoscere ancora esattamente ogni movimento

2-Everything I do, di Bryan Adams, è la seconda canzone che ho messo qui a lato..le parole son stupende..è la colonna sonora di Robin Hood, guardo il film solo per la musica.

3-Dancing Queen-Abba, la prima volta che ho ballato per mio marito


4- Tutte le canzoni di Elvis il re.


5-Wonderful world
Posto solo alcuni video...con una raccomandazione.
Prima di ascoltarli se desiderate farlo...stoppate la musica che parte in automatico schiacciando il tasto con le due barrette per stop che è a lato dei posts altrimenti si accavallano.
Io vorrei veramente nominare tutti i blogs, mi sento limitata anche qui a segnalarne sono 6.
Consideratevi personalmente invitati uno ad uno a partecipare..su su niente storie...vi rilassate un po'.
















GRAZIE A TUTTI

Ringrazio tutti e tutte per la solidarietà e per la vicinanza.
Mi avete fatto sentire meno sola e meno presa dai miei problemi.
Preciso per quanti si sono preoccupati di scrivermi anche in privato che non si tratta di problemi di salute e per questo devo ritenermi molto molto fortunata.
Si tratta comunque di problemi alquanto sgradevoli che non sono ancora risolti, che ci sono capitati addosso in un momento non proprio opportuno.
Siccome la cosa va avanti per le lunghe...per non impazzire mi son collegata oggi al computer e tanta solidarietà da parte Vs mi commuove, avrei dovuto collegarmi prima...forse avrei dormito di più in questi giorni.
Grazie di nuovo.
Io di solito quando sono giù oppure ho problemi spignatto per rilassarmi..per cui tenterò di fotografare tutto e di inserire tutto per tornare alla normalità.
Grazie di nuovo!
Un abbraccio forte forte ad ognuno di voi.

CALZONE ALLA NAPOLI

Avete idea di quanti giornali, giornaletti, libri, libruncoli circolino a casa mia?
No?
Beh...ve la farete presto una idea...se continuo a pubblicare le ricettine...
L'altro giorno avevo voglia di qualcosa di leggero...seeee! ed ho tirato fuori questa ricettina..
Ho sostituito il caciocavallo -introvabile qui- con l'asiago fresco-buono!-
poi non è che abbia proprio pesato tutto tutto tutto..un po' son andata ad occhio.
Comunque prosciutto e salame li ho pesati e l'asiago ne ho messo sicuramente metà...perchè vabbè tutto ma insomma un po' di ritegno ce l'ho anche io.
La pasta per la pizza con lievito di birra io l'ho fatta così..molto velocemente perchè in questi giorni non ho avuto tanto tempo...

500 gr di farina manitoba
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di malto di mais -poi passo al malto di orzo-
1 giro di olio
circa 300-350 ml di acqua leggermente frizzante tiepida
mezzo panetto di lievito di birra -io per la verità sto finendo quello granulare...ne avevo una scorta-
Lievita abbastanza velocemente per cui in 3 ore e mezzo si mangia la pizza cotta.


CALZONE ALLA NAPOLI da PIZZE E SFIZI
500 gr pasta per pizza
300 gr provolone dolce-io asiago e metà peso-
120 gr ricotta
60 gr prosciutto cotto
80 gr salame
50 gr olive verdi snocciolate
olio di oliva
sale
Scaldate il forno a 200°.
Tritate le olive.
Stendete la pasta su una teglia unta d'olio -io ho usato carta forno- farcitela per metà con ricotta lavorata con salame, prosciutto, provolone tutti tagliati a dadini, le olive ed un pizzico di sale.
Piegate sul ripieno la pasta e chiudete il calzone.
Ungetelo con un filo di olio.
Infornate per 30'.
-Prima di infornare io ho fatto lievitare.

mercoledì 28 maggio 2008

CUS CUS INSOLITO


Questo piatto non scandalizzi i puristi per carità.

Doveva essere fatto con il riso innanzitutto e con il pollo invece del tacchino.

A casa avevo il tacchino ed ho usato quello..anche perchè se qualcuno non lo sapesse è ricco di ferro, come il coniglio peraltro che son carni bianche sì ma hanno ferro che agli anemicini come me fa sempre bene.

Sicuramente lo sapete e comunque era per scusarmi del massacro della ricetta.

Poi andava fatto con il riso pilaf..ma non avevo tempo avevo il cus cus e mi è venuta la malsana idea di usarlo.

Devo dire che ha riscosso parecchio successo...ma si sa ogni famiglia è a se ognuno ha i suoi gusti..probabilmente questo incontra i nostri o forse avevamo solo troppa fame ed eravamo troppo stanchi.

Non è proprio velocissimo da fare...ma son riuscita a farlo.

Vediamo se ricordo tutto.

Ho fatto insaporire il tacchino con preparato per arrosti, curry, paprika piccante.

Allora per il cus cus ho seguito le indicazioni riportate sulla confezione che ho trovato anche diverse da altre tra parentesi.

Ho usato 250 gr cus cus ed il doppio di acqua.

Ho fatto tostare in un velo di olio extravergine di oliva il cus cus, poi ho aggiunto l'acqua e fatto cuocere per 5'.

Alla fine un filo di olio extravergine di oliva e sgranato.

Poi ho messo in una ciotolina rivestita di pellicola e non ho pressato bene perchè dovevo seguire la carne e poi non ho più avuto tempo.

Nel frattempo ho tritato 1 cipolla, ho unito 3 peperoni a dadini -2 rossi ed 1 giallo.

Li ho fatti andare in un velo di olio extravergine di oliva.

Nel frattempo ho tagliato a striscioline la carne e messa assieme alle verdure, fatto rosolare bene, poi ho aggiunto circa mezzo bicchiere di vino bianco ed ho fatto andare a fuoco basso coperto per circa 30' mescolando di tanto in tanto.

Voi direte nel frattempo potevo preparare il cus cus, eh no! nel frattempo ho preparato la tavola.

Ho salato, ed ho portato a cottura.

Sono andata alla ricerca di un piatto che contenesse tutto...sperando bene che ci stesse ed ho tentato di rovesciare il cus cus nel centro più o meno, poi tutto intorno ci ho messo a cucchiaiate la carne.

Ho decorato con 3 foglie di basilico.

Servito subito.

Divorato ancor prima di subito.

PANE DELLA MEZZ'ORA DELLE SIMILI


La fetta fatta con variante con 100 gr di farina di farro al posto di 100 gr di manitoba.
Ottimo ugualmente.


Quando si è molto di corsa e non si ha tempo può far comodo questo pane.

Io ho fatto tutto con la macchina del pane perchè non avevo veramente tempo.


PANE DELLA MEZZ'ORA DELLE SIMILI PAOLA B. DAL LIBRINO PANE 2 SCARICABILE SU COQUINARIA
ingredienti:
600 g di farina manitoba
100 g di acqua tiepida
3 cucchiai di acqua
25 g di lievito di birra-io ho usato quello granulare secco-
100 g di latte
20 g di burro
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di sale

Nella macchina del pane ho messo la farina, il lievito, lo zucchero, in un angolino il sale, poi ho fatto intiepidire al microonde per 40' latte, burro ed acqua ed ho aggiunto all'impasto.


Ho azionato la macchina del pane.


Deve risultare un impasto morbido,se non lo è aggiustatelo unendo altra acqua o farina. -io ho aggiunto altra acqua-
Ho rovesciato sulla spianatoia infarinata -era morbido- ed ho spianato con le mani e chiuso a pacchetto in 3.


Messo nella macchina del pane con le pieghe sotto.


Ho acceso il programma cottura con l'orologio sotto mano.


Dopo un minuto esatto ho spento.


Fatto lievitare per circa 40'.


Trascorsi i 40' ho riacceso il programma cottura, dura 1 ora e non so a che temperatura arrivi però il pane era perfetto non è scurito per niente in superficie ed aveva una bella crosticina croccante.


Lasciar raffreddare e tiene bene il taglio si riescono a fare anche delle belle fettine fine.






PENNETTE ALLE VERDURE 2



D'estate sono un po' monotona perchè mi piacciono tantissimo queste pennette con le verdure..cambio le verdure per cambiare il gusto ma son veramente deliziose e fresche.


PENNETTE ALLE VERDURE
Ingredienti:
pasta -io 200 gr -
mezza cipolla
2 falde di peperone giallo -o rosso o come vi pare-
1 zucchina
pomodori ciliegini -6-7-
a piacere scamorza affumicata o grana
olio extravergine di oliva
sale
pepe
Preparazione:
In un velo di olio fate saltare le verdure in dadolata.
Unite i pomodori spellati e tagliati a metà e portare a cottura, eventualmente aggiungendo un po' di acqua della pasta.
Salate.
Fateci saltare brevemente la pasta, cospargere di grana o scamorza o entrambi e gustate

martedì 27 maggio 2008

PANE DI MAGGIO


Avevo voglia di fare questo pane da quando ho comprato la rivista di maggio della cucina italiana, poi mi si è fermato il forno...ed ora con un po' di tempo l'ho subito provato...delizioso veramente.

Un focaccione che abbiamo divorato in giornata...ecco se proprio devo trovarci un difetto...non è arrivato dal pomeriggio alla sera.




PANE DI MAGGIO CI MAG 08
dalla rivista Cucina Italiana - Maggio 2008
Ingredienti
Farina 0 350g
Farina di grano duro 50 g
Farina di riso 50 g
Strutto 50 g
Lievito di birra 20 g-io ne ho usati metà-
Sale 12 g
Farina di mais fine (fioretto)

Setacciare 250g di farina 0 in una ciotola, aggiungete il lievito sbriciolato e versate 150g di acqua tiepida.
Impastate per circa 5 minuti, poi trasferite il composto sulla spianatoia e lavoratelo sino a renderlo morbido e omogeneo.
Modellate l’impasto a sfera, mettetelo in una ciotola e copritelo con un telo inumidito con acqua tiepida e ben strizzato.
Lasciatelo lievitare a 28°C per 45-50 minuti, fin quando triplica il volume.
Unite all’impasto lievitato la farina 0 rimasta, quella di grano duro e di riso, lo strutto, il sale e 80g di acqua-io ad occhio ne ho aggiunto un po' di più, diciamo almeno 100-120 gr totali..in modo da avere un impasto più morbido di quello che sarebbe rimasto con 80 gr di acqua.
Sulla spianatoia impastate fino ad ottenere un composto più morbido ed elastico della classica pasta da pane.
Rimettere l’impasto in una ciotola e lasciare riposare altri 45 minuti a 28°C.
Cospargete la spianatoia con la farina di mais, allargatevi l’impasto con le mani e piegatelo in tre su se stesso: aiutatevi sollevando i lembi delle estremità con un raschietto.
Trasferite la pasta su una teglia foderata con carta da forno, spolverizzatene la superficie con altra farina di mais e appiattitela allo spessore di circa 1 cm.
Infine, segnatela con le dita come se fosse una focaccia.
Lasciate lievitare ancora 45-50 minuti fin quando la pasta raddoppierà di volume.
Con un raschietto largo 10cm praticare delle incisioni irregolari.
Cuocete in forno preriscaldato a 200° per 25 minuti.
Note: i tempi di lievitazione si sono un po' allungati avendo usato metà lievito..ma non tanto perchè l'ho fatto in una giornata caldina.

lunedì 26 maggio 2008

PIZZA BIANCA CON ZUCCHINE

PIZZA BIANCA CON ZUCCHINE++

Questa pizza è una delle mie favorite..questa volta ho fatto una variante..l'aggiunta di mortadella, su consiglio di Maurab, e devo dire che è moooolto buona.
Io faccio la pasta per la pizza così:
600 gr di farina manitoba
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di malto
1 giro di olio extravergine di oliva
400 gr + o meno di acqua leggermente frizzante intiepidita
Impasto il tutto e faccio lievitare a temperatura ambiente circa 1 ora e mezza.
Poi stendo su carta forno ed aiutandomi eventualmente con altra farina-perchè non amo il sapore dell'olio sulla pizza- e faccio lievitare altre 2 orette, 1 ora e mezza.
Farcisco ed inforno, eventualmente aggiungendo mozzarella o altro circa 5-10' prima della fine cottura.
Per questa ho spadellato le zucchine con olio aglio, che poi ho tolto, e peperoncino, salato e portato a cottura.
Poi le ho messe sulla pizza, normalmente ci metto la scamorza affumicata..stavolta l'avevo terminata ed ho messo mozzarella, con il fondo di mortadella.
Buona!

CIAMBELLA SALATA ALLO YOGURT

E' molto gustosa..solo che nella fretta l'ho sformata tiepida e l'ho spatasciata..per fortuna l'avevo fotografata nello stampo-cosa che per altro non faccio quasi mai-
Si vede che avevo la testa altrove....


CIAMBELLA ALLO YOGURT SALATA
Ingredienti:
3 uova
1 vasetto di yogurt magro
3 vasetti di yogurt di farina 00
1 bustina di lievito pizzaiolo- per torte salate a lievitazione istantanea-
una generosa grattata di pepe
una genarosa manciata di origano
3 bei cucchiai di grana grattugiato
1 vasetto di olio di semi di mais
Anna Moroni diceva 3 cipolle fatte appassire in padella o prosciutto e formaggio o speck e fontina.
Io ho farcito con prosciutto cotto, mortadella tagliate a listerelle, ed olive nere snocciolate intere, qualche pomodorino ciliegino spellato.
Versare il tutto nello stampo ben imburrato ed infarinato -o oliato-
Cuocere a 180° per circa 40' far prova stecchino

TAGLIATELLE NOCI E PARMIGIANO

Ho rifatto le tagliatelle e questa volta le ho rifatte classiche all'uovo.
Ho usato 300 gr di farina -metà 00 metà grano duro-
2 uova grandi
un cucchiaino di olio extravergine di oliva
acqua qb
ad avere un impasto omogeneo.
Per la procedura ho usato quella per le altre tagliatelle che avevo già postato qui.
Per la ricetta mi sono ispirata ad Emilia per il sugo, anzichè quello di carne..un mio esperimento, dai miei vecchi giornalini soliti..



TAGLIATELLE NOCI E PARMIGIANO
ingredienti:
4 pomodori maturi
1 carota
2 cucchiai di olio
1 cipolla tritata finemente
1 gambo di sedano tritato
2 cucchiai di prezzemolo tritato
1 cucchiaio di aceto
60 ml di vino bianco
90 gr gherigli di noci
30 gr parmigiano
pepe sale
Preparazione:
Far appassire cipolla, sedano, carota, unire pomodori, vino aceto, salare pepare.
Cuocere la pasta.
Mescolarla al sugo ed ai gherigli di noce spezzettati grossolanamente.
Servire spolverata di grana.

CHIUSURA TEMPORANEA

CHIUSO PER PROBLEMI FAMILIARI

Spiacente, per il momento non posso aggiornare il blog, non ne ho tempo e soprattutto voglia.
Risponderò a tutti i post in sospeso appena la situazione migliorerà.
Ciao

mercoledì 21 maggio 2008

MEME DEI 6 PIACERI

Sono stata invitata nuovamente da Paoletta da Isabella e da Rosatea e Daniela al meme dei 6 piaceri.
Ringrazio tutte e tre per il pensiero e rimando al meme già fatto qui

martedì 20 maggio 2008

CIABATTA CON LE CIPOLLE

Anche qui con tante ricette che ci sono..dovevo andare a fare i pasticci.

CIABATTA CON LE CIPOLLE ++
Ho preparato un lievitino con 100 gr di farina
100 gr di acqua
1 pizzico di lievito granulare secco
Mescolato bene fino ad ottenere una pastella che ho messo coperto da pellicola in frigo per una notte.
Il giorno successivo -io ho fatto alle 0900 su per giu'- ho impastato con 500 gr di farina manitoba
100 gr di farina di ceci
1 cucchiaino di malto
1 giro di olio
1 cucchiaino di sale fino
e tanta acqua quanto basta ad avere un impasto morbido leggermente appiccicoso, però che si raccogliesse nella ciotola dell'impastatrice.
Ho fatto lievitare...fino alle 1300 su per giu' e poi ho steso.
Nel frattempo ho preparato 4 cipolle bianche novelle a fettine.
Le ho messe a rosolare in un velo di olio con acqua calda all'occorrenza portato a cottura, salato, a metà cottura ho aggiunto una ventina di pomodorini già scottati in acqua bollente e spellati- erano ciliegini-
E portato a cottura.
Alla fine ho messo sulla pasta prosciutto crudo e mortadella-unicamente perchè ne avevo 1 fettina per uno che non sapevo dove mettere ed ho coperto con la cipolla-io avrei preferito solo la cipolla senza affettati..ma per esempio mio marito ama i sapori forti ed ha gradito con gli affettati.
Poi ho chiuso i lati a mo di ciabatta aperta ed ho cotto per circa 35' a 180°.

PANE CON CRESCENZA

Ho rifatto il pane alla mozzarella di bufala postato qui sotto, versione alla crescenza.
Ottimo anche questo.

RISO AL LIMONE E TIMO


Di questo non metto nemmeno la ricetta..è talmente banale.
E' tutto nel titolo.
Basta quando si sfuma il riso usare il succo di mezzo limone -1 secondo me vien acido, poi dipende da quanto riso si fa io lo faccio per 3 persone-
e mezzo bicchiere di vino bianco.
A fine cottura ho messo le foglioline di timo fresco lavate ed asciugate ed una noce di crescenza -io manteco spesso con i formaggio freschi tipo stracchino,crescenza o caprino piuttosto del burro-
Buono semplice

PANE CON MOZZARELLA DI BUFALA



L'effetto rosetta è dato dalle luci della cucina..il pane era perfettamente bianco, ma non ho altre foto purtroppo, l'ho voluta mettere ugualmente per farvi vedere la grana di questo morbidissimo pane.
Anche per questo devo ringraziare il forum di cucina italiana, ed
Elena DG che lo ha postato.
Veramente ottimo.
PANE CON MOZZARELLA DI BUFALA O CRESCENZA ELENA DG FORUM CI
Primo impasto:
100 ml di siero della mozzarella a temperatura ambiente (o di latte x il pane alla crescenza), 100 ml di farina 0, 4 gr di lievito di birra.
Sciogliere il lievito nell’acqua, aggiungere la farina, mescolare bene e coprire con pellicola. Lasciare lievitare qualche ora.
Secondo impasto:
5 gr di lievito di birra, 200 gr di crescenza o di mozzarella di bufala "frullata" (nel senso di ridotta in poltiglia), 400 gr di farina, siero della mozzarella o latte q.b. (circa 130 ml), sale.
Sciogliere il lievito in 100 ml di liquidi, aggiungere la farina, la crescenza o la mozzarella e il primo impasto, e iniziare a impastare. Aggiungere il sale e altro liquido per ottenere un impasto morbido, continuare a lavorare per circa 8 minuti. L'impasto deve risultare ben liscio.
Formare una palla, porre in una ciotola imburrata, coprire e porre a lievitare in forno intiepidito fino al raddoppio (circa 1 ora e mezzo).
Estrarre, sgonfiare e dare la forma. Io ho fatto dei filoncini allungati e ho formato dei nodi.
Porre poi su teglia con carta forno, cospargere con sale grosso e porre a lievitare per una mezz’ora. Cuocere da forno spento portando a 210 gradi, per circa 20 minuti.
Buonissimo anche il giorno dopo.
Si presta bene ad essere impastato col Bimby, soprattutto quello con la mozzarella di bufala
Note Michela:
fatto in entrambe versioni: attenzione non raddoppia..però in frigo cresce bene ed è buono.
Alle 0800 al mattino impastato.
alle 1300 formato
alle1600 infornato
Io vaporizzo con uno spruzzino pulito-comprato per questo scopo- di quelli per le piante, una volta prima dell'ultima lievitazione, un'altra volta prima di infornare..poi infarino bene, trovo che resti morbido e cuocia meglio anche la crosta.

RAVIOLI CAPRESI


Trovo che Internet sia un metodo di confronto fantastico.
Trovo bellissimo il modo di interagire con gli altri e che l'esperienze di ciascuno possano essere condivise con gli altri.
Questa ricetta arriva dal forum di Cucina italiana, di Rosanna V, che ringrazio tantissimo per avermela fatta conoscere.
Mi è venuta la smania di provare la pasta fatta in casa e mi son lanciata nella produzione di tagliatelle e ravioli.
Badate anche questi sono i primi per cui sono carichi di imperfezioni ma come prima esperienza sono abbastanza soddisfatta.
Certo non son belli come quelli di Rosanna..ma mi rifarò spero la prossima volta.

Se volete provare la ricetta..ovviamente eseguitela meglio di me...


RAVIOLI CAPRESI ROSANNA V FORUM CI
Ingredienti per 4 persone
Per la sfoglia:
500 gr. farina
2 cucchiai d'olio d'oliva
Mezzo litro d'acqua bollente-io Michela ne ho usata meno credo 300 ml su per giu'-
Per il ripieno:
300 gr. primo sale grattugiato
1 uovo intero + 1 tuorlo
80-100 gr. di parmigiano grattugiato
Maggiorana
Sugo di pomodoro
Basilico
Versare in una scodella la farina, l'olio, l'acqua bollente ed lavorare ad avere un impasto compatto. . Far raffreddare.
Sbattere le uova e aggiungere il parmigiano, il primo sale (e la caciotta fresca che mi ritrovavo in frigo), la maggiorana . Ho frullato tutto per pochi istanti nel bimby.
Stendere due sfoglie con il matterello, aggiungendo un po' di farina, non tanto poca ..l'impasto è appiccicoso, fino ad avere uno spessore abbastanza sottile. Distribuire il ripieno e coprire con la seconda sfoglia. Col tagliapasta fare dei ravioli del diametro di 4 centimetri ca.
Cuocere in acqua bollente per cinque minuti, condire con abbondante sugo di pomodoro (pomodorini freschi senza i semi) e tanto basilico.
Piatto semplice e buono. Voglio provare con la semola rimacinata e fare il confronto...

sabato 17 maggio 2008

ZUPPETTA DI SPINACI


Da La cucina italiana...monotona lo so ma son invasa da questa rivista, beh veramente sono invasa dalle riviste di cucina, ma preferisco questa perchè in genere le dosi ed i procedimenti sono corretti.
Sulle altre devo sempre star lì a correggere.
Ecco la ricetta..

ZUPPETTA DI SPINACI CI
spinaci freschi g 800 - farina g 80 - burro g 80 - parmigiano grattugiato - brodo vegetale - sale - pepe in grani

Lavate più volte gli spinaci in acqua corrente fredda, poi sgocciolateli bene. In un tegame fate sciogliere il burro amalgamandolo con la farina, quindi stemperate il roux con un litro e mezzo di brodo bollente, versandolo a filo, sempre continuando a mescolare con una frusta per evitare il formarsi di grumi; dopo che la vellutata avrà preso il bollore, aggiungetevi gli spinaci ridotti in chiffonnade, salate e fate cuocere per circa 20' coperto, a fuoco medio, rigirando ogni tanto. Alla fine, insaporite la vellutata con abbondante parmigiano grattugiato, pepe macinato fresco e distribuitela nelle fondine. Se vi piace, accompagnatela con una dadolata di pane raffermo, tostato in forno (oppure rosolato nel burro spumeggiante).

Io ho servito così come vedete il piatto con abbondante grana, non ho messo la dadolata di pane raffermo e soprattutto l'ho frullata.
Ho invece messo la pastina -le stelline- perchè altrimenti i bimbi non la mangiano ed allora mi son sacrificata io.
Io preferirei senza pastina e senza frullarla.
Cosa non si fa per i bimbi?

venerdì 16 maggio 2008

FARFALLE SAPORITE

Ormai chi passa di qua ogni tanto sa che ho la mania di inventarmi le pastine con quello che ho in casa.
Questa è una di quelle



FARFALLE RAPIDE SAPORITE

Praticamente mentre mettete a bollire l'acqua per la pasta, a parte rosolate in poco olio extravergine di oliva, uno spicchio d'aglio intero -che toglierete quasi subito- mezzo peperoncino.
A parte preparate un trito abbondante di erbe miste -io ho usato maggiorana, origano, erba cipollina e prezzemolo freschi-
Quando la pasta è cotta conditela con l'olio filtrato, quartirolo a dadini e le erbe.
Mescolate e servite.
E' buona fredda o calda.




giovedì 15 maggio 2008

INVOLTINI DI VITELLO

Allora sempre scusate per le foto ma vengono fatte in emergenza..con il cellulare ed al volo prima dell'assalto di pranzo o cena..di fare delle foto un po' più studiate non se ne parla.
Tanto per star leggeri...ieri ho fatto questi involtini semplici semplici, ma ai bambini piacciono tanto..io preferirei la bistecchina alla griglia senza grassi...

INVOLTINI DI VITELLO
4 fette di vitello-ma si può usare quello che si vuole anche tacchino, pollo, manzo-
1 barattolo di polpa di pomodoro-o pomodori freschi o quello che usate di solito-
1 costa di sedano
1 mezza cipolla
1/2 bicchiere di vino bianco secco
1 foglia di alloro
4 fette di prosciutto crudo della grandezza delle fette di vitello
parmigiano grattugiato
olio extravergine di oliva
basilico tritato
Sale e pepe qb
Preparazione:
Mettete a rosolare la cipolla tritata in poco olio extravergine di oliva.
Intanto preparate la carne.
Battetela bene tra due fogli di carta forno eventualmente dividendola in 2.
Su ognuna così battuta ponete una fettina di prosciutto crudo ed un trito di parmigiano grattugiato e basilico, la costa di sedano fatta a dadini.
Io non ho salato la carne perchè trovo il prosciutto crudo piuttosto salato.
Poi ho arrotolato e chiuso con stuzzicadenti o con spago, come vi trovate meglio.
Messi nell'olio e cipolla assieme ad una foglia di alloro, far rosolare bene, girando gli involtini, sfumare con il vino.
Quando il vino evapora, unire il pomodoro e portare a cottura.
Io ho aggiunto mezzo peperoncino ed un po' di sale nel pomodoro.
Si può strafare servendo con pasta e facendo un piatto unico, o con riso pilaf o semplicemente come secondo ricco con una bella insalatona.

mercoledì 14 maggio 2008

LE MIE PRIME TAGLIATELLE


Un sentito grazie innanzitutto agli amici del forum di tina che mi hanno sostenuto in questo primo esperimento, poi grazie anche a tutti quei blog,
in primis, 3galline sul como', cindystar, cucinario di nonna ivana,-non metto i link perchè son a lato nelle oasi di serenità- che hanno scritto la procedura su come fare la pasta all'uovo.
Forte, si fa per dire, di tutto questo oggi ho prodotto le mie prime tagliatelle.
Eccovi la procedura e la ricetta

LE MIE TAGLIATELLE CON SALSICCIA E POMODORI SECCHI

Ho fatto un potpourri di ricette.
200 gr farina 00
65 gr circa di farina di grano saraceno-non avevo più quella di grano duro-
50 gr di albume
120 gr di acqua
Ho impastato tutto, aggiungendo farina 00 sino ad avere un impasto sodo e non appiccicoso.Ho avvolto in pellicola e fatto riposare per 30' a temperatura ambiente.Ho ripreso la pasta, tagliata in 4, e l'ho passata nella mia Imperia superfiga tecnologica automatica al n 5-che corrisponde al n 1 credo di quella a manovella.Per 5-6 volte, infarinando leggermente all'occorrenza.Poi l'ho fatta riposare altri 5' su spianatoia infarinata.L'ho ripassata sul n più largo per intendersi e poi son passata al n3, dove l'ho passata nuovamente ed infine a tagliatelle.L'ho messa ad asciugare ben stesa--qui mi son arrangiata sui mestoli che avevo a casa sospesi tra due rotoli di carta casa eheheheh! e finiti i mestoli l'ho stesa sui canovacci sempre infarinati e fatta riposare fino alle 1230.Cotta in 2'.Servita con un sughetto fatto
con
Olio dei pomodori secchi sott'olio che ho fatto io con la ricetta di Rosetta
mezza cipolla tritata, una salsiccia spellata sbriciolata ed una foglia di alloro.Fatto rosolare ben bene, sfumato con mezzo bicchiere di vino bianco.Ho unito sale, 2pomodori secchi sott'olio summenzionati tritati ed un po' di pomodoro fresco.Portato a cottura e spento.Unito 1 rametto di origano fresco.Condito tutto e spolverato con abbondante grana.Magari il merito era tutto del sugo ma erano veramente appetitose

PANE DI FAMIGLIA FACILE

Per questo pane invece devo ringraziare Eugenio è veramente facile e buono.



PANE DI EUGENIO FORUM CI
Mettere in una ciotola tre tazze di farina preferibilmente di diversi tipi, ad esempio: una tazza di farina 00, una di farina di grano duro e una di farina integrale. Aggiungere un cucchiaio raso di sale e mescolare bene con le mani. Unire tre o quattro cucchiai d'olio extravergine e una tazza colma di acqua tiepida in cui sia stato sciolto un cubetto di lievito di birra fresco. Impastare solo per formare l'impasto (come per il tradizionale pane che non si impasta,la cui ricetta filmata potete trovare su questo blog). Coprire la ciotola e aspettare che raddoppi di volume (occorre da mezz'ora a un'ora e un quarto).
Capovolgere la ciotola sulla madia infarinata facendo cadere l'impasto. Appiattirlo un po' con le mani e ripiegare i quattro angoli come per il solito pane che non si impasta. Metterlo, con le pieghe verso l'alto, in una teglia antiaderente che possa andare in forno. Lo si lasci riposare un quarto d'ora coperto da un canovaccio. Nel frattempo si porti il forno a 240°. Infornare, dopo 5 minuti portare a 230° e proseguire la cottura per altri 35 minuti. Toglierlo dalla teglia e appoggiarlo direttamente sulla griglia del forno, proseguendo la cottura a 210° per altri 5 minuti. Spegnere il forno. Dopo mezz'ora si può togliere dal forno e affettare. Buono!
Note Michela:
1-io ho usato come unità di misura il mug.
Ho usato
Farina manitoba
Farina di soia
Farina integrale bio
Ho aggiunto 1 cucchiaino abbondante di fruttosio -per la soia altrimenti da un gusto acido al pane-
Ed ho dovuto adeguare l'acqua aggiustandola ed aggiungendoci mezzo mug in più.
Per la cottura ho dovuto decisamente abbassare il forno, altrimenti lo carbonizzavo.
Quindi ho fatto i primi 10' a 220' poi ho abbassato per circa 25'-30' a 180°, mi regolo con odore..quando profuma di pane in genere è pronto.

CALZONE DI CIPOLLE


Per questa ricetta eccezionale veramente devo ringraziare Rosy
dal forum di Cucina Italiana.
Ragazzi è una favola!
A me è piaciuta tantissimo anche la pasta che penso si possa utilizzare anche per altre torte salate.

CALZONE DI CIPOLLA DI MIA NONNA
Calzone di cipolla di mia nonna (Rosy)
Per la pasta
500g di farina,
mezzo bicchiere di olio evo
mezzo bicchiere di vino
un pizzico di sale
Per il ripieno
500g di cipolle o bianche o dorate
olio per cuocere
sale
250g di pomodori pelati
Peperoncino
un mazzo di indivia
25 g capperi sotto sale
30 g parmigiano
250 g tonno
50 g olive nere baresi snocciolate e tagliate a metà

Preparare il ripieno:
Affettare le cipolle a rondelle sottili. Tenerle a bagno in acqua per 15 min. Usare in una padella con coperchio. Cuocere incoperchiata con qualche cucchiaio d’olio ed i pelati e un pizzico di sale. A metà cottura aggiungere il peperoncino sminuzzato e l’indivia tritata grossolanamente aggiustare di sale. Far cuocere bene. A cottura ultimata il ripieno deve risultare appena asciutto. Fare intiepidire. Intanto impastare.
Fare una fontana con la farina, unire il sale, l’olio e piano piano il vino. Impastare fin quando si ottiene un impasto liscio e morbido. Attenzione a non lavorare troppo la pasta. Dividere in due parti, una leggermente più grande dell’altra. Stendere la pasta e ungere una teglia rettangolare con un po’d’olio e adagiarvi la stesa di pasta più grande.
A questo punto aggiungere al ripieno il tonno a pezzettini, i capperi, il parmigiano, mescolare e distribuire il composto nella teglia. Aggiungere le olive distribuendole equamente e coprire con l’altra sfoglia. Chiudere i bordi, spennellare la parte superiore del calzone con un po’ d’olio. Punzecchiare parecchie volte la pasta con una forchetta per evitare che si gonfi durante la cottura. Cuocere il calzone per circa 30-40' in forno a 200°.

martedì 13 maggio 2008

GNOCCHETTI AL SUGO CON QUARTIROLO


Dovrei fare un'etichetta i piatti come dovevano essere fatti e come invece li ho fatti.
Allora son partita da questa ricetta:

GNOCCHETTI AL SUGO CON QUARTIROLO CI MAG 08
500 gr farina
200 gr pelati in scatola
300 gr latte
200 gr quartirolo
60 gr guanciale
3 uova
1 cipolla
grana grattugiato
burro
salvia
noce moscata
aglio
olio evo
sale pepe
Rosolate in una casseruola con un filo di olio la cipolla a fettine, uno spicchio di aglio con la buccia, il guanciale a dadini per 2-3' poi unite i pelati con liquido di governo riducete la fiamma e proseguite la cottura per 20'.
Aggiustare di sale e pepe se serve.
In una ciotola mescolate con una frusta la farina, le uova, il latte, 10 gr di grana, una presa di sale, una grattugiata di noce moscata ed una macinata di pepe, otterrete un composto liscio ed abbastanza liquido.
Raccoglietelo in una sac a poche con bocchetta liscia diam cm 1,2 e versatelo direttametne in acqua bollente salata tagliando mano a mano dal composto gli gnocchetti lunghi circa 1 cm.
Cuoceteli x 2-3' da quando vengono a galla.
Scolateli in una padella con 100 gr di burro spumeggiante salvia uno spicchio di aglio tritati.
Distribuite nei piatti conditeli con il sugo e completateli con il quartirolo lombardo a dadini e con un trito di salvia
----------
La cosa mi attirava perchè gli gnocchetti son veloci e perchè c'era il quartirolo comprato apposta per l'occasione, beh non trovarlo in frigo è stato il massimo!
Vabbè il frigo è grande ma non è 80 mq..da perderci il formaggio...incredibile!
Infatti puntualmente, quando ormai ero convinta di essere completamente rincitrullita, cioè il giorno dopo...è saltato fuori.
--------
Chiusa parentesi.
Tornando alla ricetta le intenzioni erano quelle, poi leggendo meglio ho pensato che alla cucina italiana vogliono far proliferare colesterolo e cellulite.
Che se li mangino loro cucinati così
Quindi, ho preparato un sugo di pomodoro leggero, e visto che non trovavo il quartirolo ho condito con un misto di parmigiano grattugiato e provola affumicata grattugiata.
Son venuti buoni, mio marito li ha divorati..io però preferisco quelli di patate o di ricotta.

lunedì 12 maggio 2008

GNOCCHETTI ORTOLANI





GNOCCHETTI ORTOLANI ++
250 gr semolino
1 litro di latte scremato
2 tuorli
50 gr di grana grattugiato
50 gr fontina
150 gr chiampignons affettati-io ho usato 20 gr funghi porcini secchi-
4 carciofi
1 spicchio di aglio
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
burro
un ciuffo di prezzemolo
sale
pepe
Portate ad ebollizione il latte, unite un pizzico di sale e ,mescolando, versate il semolino a pioggia.
Cuocete a fuoco basso per circa 10', poi lasciate leggermente intiepidire ed aggiungete metà del grana ed i tuorli.
Mescolate, quindi rovesciate il composto su un piano di lavoro e livellatelo ad uno spessore di 2 cm.
Tagliate i carciofi a spicchi sottili, fateli insaporire con i funghi in un tegame con l'olio e lo spicchio d'aglio schiacciato che poi eliminerete.
Salate, pepate bagnate con mezzo bicchiere di acqua e proseguite la cottura per 15' a fuoco basso ed a recipiente coperto.
Tagliate il semolino in quadrotti di 5 cm di lato e sistemateli in una pirofila imburrata.
Distribuitevi sopra il sugo, la fontina a pezzetti, il grana rimasto e qualche fiocchetto di burro.
Passate gli gnocchetti in forno già caldo a 200° per 10' circa a gratinare.
Sformateli cospargeteli di prezzemolo tritato e servite.
----------
Ho messo le foto di come preparo gli gnocchi di semolino per non avere scarti.
Mi preparo un foglio di carta forno..qui l'ho fatto piccolino perchè gli gnocchi dovevano essere grandi per dare l'effetto rustico ma ovviamente si può anche fare lungo e stretto.
Poi ci verso il semolino...avvolgo nella carta e lascio raffreddare.
Alla fine ottengo un rotolone informe che poi taglio a fettine e condisco.
Ovviamente si può fare un rotolo migliore..io faccio sempre tutto di fretta e della serie buona la prima..con i due bimbi sempre intorno...


ASPARAGI E UOVA

Niente di speciale.
Siccome sui blogs ho stressato tutti per dire come piacciono a me...allora me li son fatti.
Son semplicemente asparagi-anzi queste son asparagine per la precisione- lessati in acqua -le punte vanno fuori dell'acqua, gli asparagi vanno pareggiati sotto e legati con dello spago da cucina in modo che restino bene in piedi.
Scolati.
Serviti con un uovo cotto in burro, sale il tutto spolverato di abbondante grana grattugiato.

LASAGNE CON PATATE E GORGONZOLA




Questa ve la racconto.
Allora la ricetta che avrei dovuto fare era questa

CANNELLONI DI PATATE E GORGONZOLA AM
8 quadrati di pasta al forno
2 patate schiacciate
1 fettina di gorgonzola piccante
50 gr prosciutto cotto
farina 00
4 cime di foglie di salvia
50 gr burro
6 gherigli di noci
50 gr parmigiano grattugiato
olio evo
sale pepe
Sbollentare la pasta in acqua salata.
FArla raffreddare in acqua gelata e stenderla su un telo ad asciugare.
Per il ripieno unire alle patate schiacciate farina sale e pepe.
Tagliare a strisce il gorgonzola.
Spalmare l'impasto di patate sulla pasta ed al centro porre il gorgonzola ed avvolgerli a mo' di cannellone.
Scottarli in padella con un filo di olio.
Passarli in forno a 200° per 2'.
Cospargerli con parmigiano.
Guarnirli con il prosciutto tagliato a julienne appena scottato in padella.
Coprite con burro e salvia
------------
Mi piaceva perchè era senza besciamella, il che per Anna Moroni è strano, e per gli ingredienti adatti ad una cucina povera o una cambusa quasi vuota.
Avevo comprato la pasta sfogliavelo per i cannelloni.
Fin qui tutto bene.
Nel frattempo mi si è rotto il forno ed io avevo usato mezza confezione, convinta di averla riposta sigillata.
Quando l'ho ripresa, l'ho trovata aperta ed anche tutta sbriciolata, nonchè secca.
Avrei dovuto forse gettarla, ma mi sentivo una sprecona ed allora ho riadattato la ricetta.
Ho fatto delle simil lasagne.
Praticamente ho messo nella teglia imburrata le lasagne ed a strati patate e gorgonzola.
Poi, siccome il tutto mi pareva troppo secco..ho aggiunto la famigerata besciamella.
Sopra ho messo fiocchetti di burro e salvia..il prosciutto non lo avevo ma ci sarebbe stato bene.
Non ho nemmeno messo in forno ma in microonde per ca 12' a 850w.
Vi assicuro che erano buone.

giovedì 8 maggio 2008

FARFALLE CON CREMA DI CAROTE E FORMAGGIO DI CAPRA

Oggi ho fatto questa.
Premessa:
Io ho utilizzato i pomodori sott'olio che ho preparato io, la ricetta la trovate qui
Se vi va di provarla, sappiate che è molto molto gustosa.
Unica precisazione, perchè non so se si vede dalle foto-sempre con cellulare- è che le carote vanno grattugiate con quell'aggeggino che le fa a fili non finissimi, un po' più consistenti.

FARFALLE CON CREMA DI CAROTE E FORMAGGIO ++
400 gr di pasta corta tipo farfalle
sale fino
2 carote grosse pelate
8 pomodorini secchi sott'olio tritati
4 ramoscelli di timo
1 cucchiaio di olio di oliva o di olio dei pomodorini secchi
225 gr formaggio di capra sbriciolato o a pezzetti
pepe nero macinato al momento
Mentre lessa l'acqua per la pasta, grattugiare le carote a fili grossi come per insalata, e scottare in acqua bollente per 1', scolarle e metterle con un cucchiaio di olio di oliva o dei pomodorini in un pentolino ad insaporire assieme al timo tritato ed ai pomodorini tritati.
Far asciugare un po'.
Spegnere.
Unire il formaggio sbriciolato-io ho usato caprini freschi.
Salare e pepare a piacere.
Condire la pasta.

PIZZA CON LIEVITO MADRE



Questa me la ero promessa appena funzionava il forno!
Allora è la mia pizza con lievito madre.
Niente di speciale penso che ognuno abbia la sua.
Io a suon di 2 pizze a settimana, ho trovato questa:

PIZZA CON LM
200 gr lievito madre rinfrescato
600 gr farina manitoba -o mista 500 gr manitoba + 100 gr di farina a gradimento-
1 cucchiaino di sale
1 giro di olio
1 cucchiaino di malto
acqua leggermente frizzante tiepida qb ad avere un impasto che non si raccolga a palla.
Preparazione:
Metto il lievito a pezzetti tutta la notte nella ciotola della macchina del pane-io uso quella per impastare- copro con la farina, al mattino impasto tutto unendo l'acqua poco per volta.
Impasto bene.
Poi faccio lievitare fino a raddoppio.
Sgonfio e stendo su 2 teglie da forno 30x40 aiutandomi con un po' di farina -non amo l'olio chi vuole lo usi pure a me non piace la crosticina che si forma usando l'olio- e faccio lievitare nuovamente.
Poi farcisco con pomodoro..metto in forno a 200° per circa 10', poi metto la mozzarella o altro, abbasso il forno a 180° e finisco cottura-circa altri 10' un po' meno.
------------------
L'ho postata perchè è buona ma ieri ho deciso definitivamente di defenestrare il lievito madre.
Come vedete è venuta bene-almeno credo, ditemi se mi sbaglio-ottimamente lievitata pensate che si è formata una bolla gigantesca sulla pizza.
A noi però, non piace la pizza con lm, ed ultimamente ho fatto le prove lm e lievito birra anche sul pane..abbiamo all'unanimità votato per il lievito di birra..quindi tanti saluti...il mio lm giace nel bidone dell'umido.
Oggi mi sento più leggera..anche perchè lo rinfrescavo quasi giornalmente !
Non si concilia più con i miei ritmi.

FARFALLE CON CRUDO E PANGRATATO



Ieri mi è venuto il tecnico del forno...finalmente!!!!!!!!!!!!!!
Però a mezzogiorno su per giu' e si è pure messo il forno sopra la tavola!!!
E noi?
Una pasta velocissima più veloce che non si può in velocità.

PASTA CON SPECK E PANGRATTATO CI GEN 06
280 gr pasta -meglio spaghetti-
80 gr cipolla
50 gr burro-non l'ho messo-
50 gr speck-sostituito con prosciutto crudo.
pangrattato
maggiorana olio evo sale pepe
Fate appassire la cipolla con 1 cuk di olio e 25 gr burro.
Rosolatevi lo speck a dadini ed un ciuffetto di maggiorana tritati.
Tenete in caldo.
Nella stessa padella fate soffriggere il resto del burro e 5-6 cuk di pangrattato.
Cuocete la pasta scolate condite con il sugo.
Salate e pepate a piacere
ok senza burro e con prosciutto crudo

mercoledì 7 maggio 2008

PANE ALLA BIRRA 2 CON LIEVITO MADRE

Per dovere di cronaca.. ho rifatto il pane alla birra che trovate qui
con queste varianti:
ho usato 200 gr lievito madre rinfrescato
ed ho aggiunto una spolverata di pepe,
ho messo 500 gr farina 00
100 gr di farina di grano duro
sempre 1 vasetto di yogurt e per il resto ho dimezzato gli ingredienti.
Che dite?
Come mi è venuto?

TORTILLA DI PATATE E CIPOLLE




Questa ricetta l'ho trovata su un vecchio numero di Cucina Moderna, ho dovuto adattarla un po' .
Per quanto riguarda le patate ho provato a fare sia come dicono in ricetta..sia a metterle già lessate e ripassarle in padella, io preferisco questa seconda versione perchè rimangono più croccanti e mi piace sentire i sapori bene..i bimbi hanno preferito questa perchè praticamente le patate si disfano assieme alla cipolla in una informe poltiglia..voi fate come credete viene buona comunque.

TORTILLA DI PATATE E CIPOLLE
Pelate 3-4 patate e tagliatele a fettine sottili.
Mondate ed affettate 1 cipolla.
Spellate e tagliate a fettine 120 gr salame-io ho usato salame tipo milano-
Scaldate 3 cuk di olio evo unite patate, cipolla e salare.
Far cuocere a fuoco basso per 20-25' mescolando spesso.
Togliete le verdure dal tegame scolatele dall'olio e fatele intiepidire in una ciotola.
In una terrina sbattete 8 uova e salatele aggiungere verdure e salame e mescolare delicatamente.
Far riposare 15'.
Versare 2 cuk di olio in una padella, versarvi il composto.
Cuocere fino a quando sarà rassodata a fuoco medio.
Girarla e completare la cottura, voltandola ancora un paio di volte.
Lasciar intiepidire.
Servire.

PENNETTE ALLE VERDURE ++

Eh lo ammetto la mia pasta preferita sono proprio loro le pennette..qualche concessione alle farfalle...le altre le faccio solo per abituare i bimbi a variare...ed anche per abituare me..
Queste poi mi piacciono in maniera particolare...le faccio spesso d'estate con tutte le verdurine fresche..ovviamente si possono giostrare le verdure secondo stagione e disponibilità.

PENNETTE ALLE VERDURE+
Ingredienti:
x2e mezzo
200 gr pasta
1 cipolla
1/2 carotina
1 costa di sedano
1/2 zucchina
sale
olio extravergine di oliva
scamorza affumicata
parmigiano grattugiato
Preparazione:
Mentre mettete l'acqua a bollire per la pasta, tagliate a brunoise oppure a listerelle con l'apposito attrezzino tutte le verdure e farle stufare in poco olio extra vergine di oliva, eventualmente aggiungendo acqua calda della pasta, salare, e portare a cottura.
Quando le verdure son pronte, condirci la pasta e servire spolverate con i formaggi grattugiati.

lunedì 5 maggio 2008

ZUCCHINE IN ROSA


Io lo so che non è ancora stagione di zucchine..infatti mia mamma non le ha ancora nell'orto, almeno non qui nel veneziano...forse nel sud ci sono.
Volete spiegarlo anche al sig fruttivendolo?
Non trovo altro che peperoni melanzane e zucchine e rucola..il bello è che ho provato a cambiare negozio ..ma le verdure di stagione sono agonizzanti a dir poco..e se chiedo qualcosa d'altro mi guarda anche male perchè le verdure che chiedo io...chiedessi chissà che, ho chiesto se ha spinaci, cicoria, porri per inciso- non le vuole nessuno.
Io ho capito tutto..ma se non ho ancora niente sull'orto che devo farci?
Non mangiar verdura?
Io non son capace.
Non vedo l'ora che nasca qualcosa sull'orto di mamma.
Per la cronaca, non tornerò mai più in quel negozio!
Mi sembra ovvio.

ZUCCHINE IN ROSA CUCINARE BENE
8 zucchine piccole
100 gr gorgonzola dolce
100 gr formaggio quark
50 gr prosciutto cotto
1 pizzico di noce moscata
sale fino
pepe bianco
Per decorare :
prosciutto cotto 1 fetta tagliata spessa
Lavate le zucchine.
Portare ad ebollizione 1 litro di acqua in una casseruola.
Immergetevi le zucchine e scottatele 5 min.
Raccoglietele con un mestolo forato.
Sistematele sul telo e lasciatele raffreddare.
Spuntate le estremità.
Tagliatele a metà per il lungo.
Svuotatele scavandole delicatamente conl'apposito attrezzo.
Lasciatele sul telo ad asciugare capovolte.
Mettete il prosciutto sul tagliere e tritatelo finemente con un coltello affilato.
Eliminate al gorgonzola la crosta.
Mettetelo in una ciotola e lavoratelo con un cucchiaio.
Aggiungete il formaggio quark e lavorate ancora fino ad avere un composto cremoso.
Unite il prosciutto.
Profumate con la noce moscata ed insaporite con il pepe.
Mescolate ancora.
Salate leggermente l'interno delle zucchine.
Distribuite la farcitura preparata aiutandovi con un cucchiaino.
Sistemate in un piatto da portata.
Taglaite la fetta di prosciutto a rettangoil ed infilateli su degli stuzzicadenti.
Sistemateli sulle zucchine come se fossero delle vele.
Servite

GNOCCHI DI RICOTTA AI SAPORI D'AUTUNNO



Visto che quando ci siamo alzati, stamattina c'era un freddino autunnale...ho pensato di fare qualcosa in tema.

GNOCCHI DI RICOTTA AI SAPORI D'AUTUNNO
500 gr di ricotta di mucca
200 gr circa di farina - dipende dalla ricotta-
2 uova
100 gr di parmigiano grattugiato
sale
pepe
noce moscata
una abbondante grattata di erbe di provenza secche
400 gr pomodori ciliegini
2 salsicce
40 gr porcini secchi
1 cipolla
olio extra vergine di oliva
mezzo peperoncino
Per il sugo:
Mettere i porcini a bagno.
Sciacquarli bene.
Tagliarli a listerelle.
Scottare i pomodori e pelarli e tagliarli a dadini.
Rosolare in poco olio la cipolla, unire la salsiccia sbriciolata, rosolare bene, sfumare con il vino, salare, unire il peperoncino e cuocere bene.
Quando la salsiccia è ben cotta, allora unite i funghi ed i pomodori, cuocere per altri 10', spegnere, unire l'origano.
Per gli gnocchetti:
Amalgamare tutto in una ciotola, setacciare la ricotta se serve, la quantità della farina dipende dalla ricotta usata.
Mescolare bene.
Poi con due cucchiaini formare delle piccole quenelles, che butterete in acqua salata bollente, scolare quando tornano a galla.
Condire con il sugo ed abbondante grana.

PEPE & PEPERONCINO   © 2008. Template Recipes by Emporium Digital

TOP